Intel acquista Yogitech

Dopo i rumors che preannunciavano un fallimento prematuro di Intel per via dell’addio di alcuni manager, arriva la notizia che la società ha acquistato Yogitech, azienda italiana che si occupa di sicurezza e di semiconduttori.

A cosa servirà questa collaborazione

La collaborazione con Yogitech si presenta molto utile per Intel per diversi motivi. Prima di tutto, i nostri sono specializzati in sicurezza riferita a sistemi automatizzati, ovvero alla programmazione e all’hardware che servono per far sì che anche senza intervento dell’Uomo, le macchine siano in grado di valutare e applicare il piano più sicuro per l’utente finale.

Considerato che Intel ha già in cantiere il progetto per i sistemi avanzati IoT per auto, Yogitech, una volta acquisita, potrebbe essere l’ultimo passo che manca per realizzare il sogno di una macchina che si muove da sola senza l’intervento umano.

Yogitech ha già lavorato sui sistemi Start&Stop, sulla frenata, sugli airbag, ecc. Una soluzione conveniente per Intel, che avrà al suo interno anche le competenze migliori, forse seconde solo ai ricercatori di Mountain View.

Intel acquista Yogitech intel 1 TechNinja

Le nuove auto saranno in grado, nelle intenzioni della società di:

  • Ricevere, elaborare ed agire in base ai dati ricevuti;
  • Muoversi su strada da sole;
  • Fornire comfort e praticità al guidatore;
  • Garantire alte prestazioni dal lato meccanico.

Naturalmente, si tratta delle parole dei dirigenti di Intel, che dovrebbero mostrare il prima possibile alcuni prototipi, o comunque “qualcosa”, sui progetti in cantiere in queste ore. Insomma, anche se i dirigenti si sono dimessi, la società continua a lavorare su diversi fronti e solo il tempo saprà dire se questa strada è quella giusta o meno.

L’annuncio ufficiale dell’acquisizione, però, è un passo molto importante e, sicuramente, ha ottenuto un ottimo ritorno di immagine, anche per la fama che ha l’Italia nel settore automobilistico.

Una risposta a Google Car e Android Auto?

L’acquisizione di Yogitech potrebbe essere un guanto di sfida lanciato da Intel a Google ed Apple nella gara a chi per primo riuscirà a creare l’auto che si muove da sola. Google ha già fatto un paio di passi avanti, con la Google Car e il sistema Android Auto.

Sicuramente, Intel non intende rinunciare ai sistemi IoT e intende implementarli nelle auto e sulla questione IoT ci sarebbe anche la concorrenza di Microsoft, tanto per gradire. Insomma, si prospetta una bella resa dei conti tra potenze, con tecnologia sempre più avanzata per gli appassionati in tutto il mondo!

Il futuro ci darà auto che si muovono da sole: servirà più la patente?