Circle Pay arriva in Gran Bretagna

0
256
circle pay

Circle Pay, dopo il successo negli Stati Uniti, arriva anche in Gran Bretagna. Ecco come funziona, nell’attesa che l’app arrivi anche in Italia.

Social Payments cos’è?

Circle Pay è un’app che permette di pagare direttamente con un SMS al cellulare via app, utilizzando i portafogli virtuali in Bitcoin.

Dato che il pagamento è per sua natura di piccolo importo e riservato a persone che fanno parte della nostra rete (amici, parenti, ecc.) l’app di Circle Pay va considerata una piattaforma di social payment a tutti gli effetti.

Su ogni transazione, la società produttrice dell’app riceve una minima percentuale, ininfluente per l’utente, ma interessante nell’ottica dei grandi numeri.

Circle Pay arriva in Gran Bretagna circle app TechNinja

Come funziona? Prima di tutto, devi scaricare l’app per lo smartphone o per l’iPhone. Per far funzionare l’app, dovrai creare un tuo account su Circle Pay e ricaricare il denaro che ti serve sotto forma di dollari, sterline o Bitcoin.

Quando avrai bisogno di pagare un amico, ti basterà mandargli un messaggio, personalizzandolo con una GIF o un’immagine. Il tutto si basa su Bitcoin e blockchain. I Bitcoin sono una forma di moneta virtuale, il sistema blockchain è un modo per tracciare i movimenti di denaro (un po’ come il riepilogo di Paypal, per capirci).

I Bitcoin, però, qui non si vedono. Lo conferma lo sviluppatore di Circle Pay, Jeremy Allaire, che spiega a TechCrunch che i Bitcoin servono solo a gestire il denaro all’interno dell’app, ma gli utenti vedono il corrispettivo nella moneta di uso comune (dollari e sterline).

Bitcoin, dollari e sterline su Circle Pay

Per il momento, Circle Pay è disponibile solo per Stati Uniti e Gran Bretagna, perché si sono trovati i partner bancari necessari per il passaggio di denaro. In Inghilterra l’operazione è riuscita grazie all’aiuto di Barclays, ma Allaire ritiene che ci potrebbero essere ottime opportunità anche per l’Europa.

Se si trovasse un partner commerciale a livello europeo, anche francesi, italiani, tedeschi e non solo potranno utilizzare questo sistema di pagamento veloce e intelligente, accanto alle formule tradizionali, come la carta di credito e Paypal.

Se Circle Pay arrivasse in Italia, però, ci sarebbe la questione “Tasse” da mettere sul tavolo. I piccoli pagamenti possono essere soggetti a elusione, mentre la burocrazia italiana potrebbe rendere farraginosa anche un’app che funziona benissimo di suo negli altri Paesi.

Staremo a vedere: non ti lasciamo i link per il download proprio perché in Italia non funziona, ma se acquisti spesso negli States e i Bitcoin puoi trovare l’app Circle Pay su Google Play e su iTunes.