Apple: vendite in calo per il 2016?

Il 2016 sarebbe un anno veramente sotto tono per Apple che potrebbe far registrare delle vendite molto più ridotte rispetto a quelle che sono le aspettative.

0
87
Apple

Non ci si crede eppure in alcuni siti estremamente importanti del settore sta circolando questa notizia: il 2016 sarebbe un anno veramente sotto tono per Apple che potrebbe far registrare delle vendite molto più ridotte rispetto a quelle che sono le aspettative.

Chi lo dice? Kuo Ming-Chi di KGI. Per chi non lo sapesse, si tratta di uno degli analisti più importanti e informati per ciò che concerne il mondo della mela morsicata e, pertanto, è la sua voce è davvero molto importante nel settore.

Apple: vendite in calo per il 2016? Apple vendite TechNinja

Apple: 2016 anno nero

Kuo Ming Chi ha detto chiaramente che, per quel che concerne le vendite relative agli iPhone, i numeri della casa di Cupertino continueranno a essere sotto le aspettative.

Nello specifico Kuo prospetta il seguente scenario: si parla di vendite totali, per quel che concerne iPhone, al di sotto dei 200 milioni di unità. Ma si aggiunge anche che, qualora dovesse essere presentato entro l’anno l’iPhone 7 il calo sarebbe ancora maggiore, dato che questo device potrebbe vendere anche meno di iPhone 6S.

Se ve lo state chiedendo, sì iPhone 6S ha venduto meno del previsto e a confermarlo è proprio l’analista di KGI che ci dice che soprattutto i mercati emergenti non hanno risposto come ci si aspettava.

Proprio per questo motivo, a meno che l’iPhone 7 non integri delle novità così strabilianti da lasciare tutti a bocca aperta, si suppone che l’andazzo rimarrà questo per tutto l’anno, senza possibilità di miglioramento, almeno al momento.

Le sue affermazioni sono anche spiegate: l’iPhone 7, per l’analista, sarà molto simile ai device attualmente in commercio che, a dire il vero, non sono ancora tanto obsoleti da essere cambiati con un device piuttosto simile.

Dobbiamo, però, ancora attendere un bel po’ prima di vedere se Kuo ha avuto, o meno, ragione. Voi che ne pensate in merito? Siete della stessa idea dell’analista in questione o credete che Apple farà registrare nuovamente dei numeri da capogiro?