pubblicita
pubblicita

Google Search pianifica la tua vacanza

pubblicita

Progettare una vacanza, con voli o spostamenti da una località all’altra, alberghi da prenotare e quant’altro, potrebbe risultare un vero e proprio stress, soprattutto alla luce del fatto che si devono visitare diversi siti per bloccare i voli, per trovare l’alloggio ecc.

La novità in questo senso arriva direttamente da Google, che ha voluto mettere a punto un sistema che prevede la prenotazione di un viaggio con una sola ricerca. Mai Google Search è stato più utile.

Google Search pianifica la tua vacanza google search pianificazione vacanze 1 TechNinja

 

Cosa sta cambiando grazie a Google Search

Si tratta della prima incursione di Google nel mondo dei viaggi organizzati da mobile e questo è dovuto al fatto che le abitudini dei viaggiatori stanno cambiando. Proprio recentemente, infatti, è stato rilevato che, soprattutto nell’ultimo periodo, sempre più persone stanno organizzando i loro viaggi da tablet smartphone, abbandonando il PC fisso.

Calcando le orme delle più grandi compagnie online di viaggio, anche Google ha voluto dire la sua, offrendo a tutti gli user questa nuova, importante possibilità.

Come funziona? In maniera semplice e intuitiva: attraverso Google Search. Si potrà settare la propria ricerca come meglio si crede, andando a digitare il nome di una città e, in questo modo, si avrà la possibilità di scegliere voli, hotel e quant’altro, che verranno immediatamente visualizzati sullo screen del proprio device.

pubblicita

Città, luoghi da visitare e, ancora, prezzi di camere d’albergo e voli e molto altro: il tutto viene semplificato al massimo, in modo tale da rendere l’iter decisionale e quello di prenotazione il più semplice possibile. L’utente avrà, naturalmente, la possibilità di filtrare la propria ricerca, in modo tale da trovare immediatamente e con pochissimi clic quello che cerca.

Come funziona

Ma cosa c’è alla base di tutto ciò? Si può notare come questa nuova funzione di Google Search si basi tanto su suggerimenti quanto su un algoritmo, come accade sempre. Inoltre, va da sé che queste ricerche sono influenzate anche dagli input dati in precedenza.

Un piccolo appunto, mosso dal New York Times, è che al momento non c’è possibilità di settare un punto di partenza differente da quello in cui ci si trova, ma siamo solo agli inizi di questa avventura e qualcosa di certo cambierà.

Un punto a favore di questa novità è che c’è la possibilità di vedere quelle che sono tutte le classifiche delle zone maggiormente richieste, dei posti da vedere sulla base si interessi vari ed eventuali, in modo tale da offrire diversi spunti anche ai viaggiatori più indecisi.

Cosa ne pensate di questa novità? L’avete già provata o avete intenzione di farlo? Fatecelo sapere, lasciandoci un commento!

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Telegram, YouTube o vis RSS per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della tecnologia!