Il marchio della famosa mela, Apple, ha recentemente approvato (per quanto esistano già delle applicazioni simili) una app chiamata FlexBright che aggiusterà la luminosità e la temperature del colore del display dell’iPhone o dell’iPad in base all’orario della giornata. Mentre Apple ha introdotto questa nuova applicazione con il sistema operativo iOS 9.3 la compagnia ha rifiutato di far entrare la già popolare applicazione Flux nell’App Store, la quale aveva già funzionalità simili

Apple annuncia FlexBright Night Shift 1

FlexBright a 2,99 dollari

L’Applicazione sarà disponibile nell’App Store al prezzo di 2,99$ ed è stata recentemente aggiornata alla versione 2.0, aggiungendo alcune funzionalità per la luminosità. FlexBright offre la possibilità di aggiustare automaticamente la luminosità e il colore della temperatura del display del nostro device. L’applicazione tiene conto dell’orario di alba e tramonto e si configura di conseguenza.

Inoltre FlexBright offre anche la funzione “smart eye calculator” che in pratica tiene conto di quanto a lungo si guarda lo schermo durante la scarsità di luce. L’applicazione potrà notificare all’utente quando rileverà che l’occhio si sta affaticando.

Apple annuncia FlexBright FlexBright header 1024x592

Funzionalità aggiuntive

L’applicazione comprenderà anche una “Dark mode” che cambierà i colori dell’interfaccia del telefono in bianco e nero, similmente alla Dark Mode di OS X.

Lo scorso novembre Flux è stata disponibile nello Store degli utenti iOS ma dopo appena un giorno Apple ha interrotto la possibilità di scaricarla, lasciando alla casa della app la “promessa” che avrebbe potuto lavorare con Apple per inserirla nello Store secondo i loro standard. Poco tempo topo però Apple ha introdotto Night Shift, molto simile a Flux.

FlexBright, simile per alcune caratteristiche a Night Shift, ne offre però alcune differenti, una per tutti la già citata Dark Mode che non è presente nei sistemi nativi iOS. L’app offre anche un servizio di notifiche che ricordi all’utente di cambiare la luminosità se è rimasta per un periodo troppo esteso.
Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Telegram,YouTube o vis RSS per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della tecnologia!

RIPRODUZIONE RISERVATA ©
Condividi
Articolo precedenteGalaxy S7 VS iPhone 6S Plus: chi si piega per primo?
Prossimo articoloAddio Ray Tomlinson, padre dell’email.
Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi, in grado di portare a termine importanti affari. Riesce a mantenere sempre l'autocontrollo grazie alla sua diplomazia e charme.