pubblicita
pubblicita

iPhone 6: prestazioni leggermente superiori rispetto al 5s

pubblicita

L’anno scorso, l’uscita di iPhone 5s segnò un netto stacco, in termini di prestazioni, rispetto al modello precedente. Pare invece che questo stacco non sussista nel nuovo modello. Stiamo parlando di iPhone 6. Secondo alcuni dati diffusi da Basemark X di Rightware riguardanti il nuovo processore A8, sembra che le prestazioni della nuova CPU apple registri prestazioni solo lievemente superiori rispetto al vecchio A7. Non avendo tuttavia ancora dati reali a disposizione sulla nuova CPU Apple (aspettando iFixit), ad oggi possiamo dunque solo ipotizzare che l’A8 di iPhone 6 ed iPhone 6 plus sia solo una evoluzione del “vecchio” A7.

iPhone 6: prestazioni leggermente superiori rispetto al 5s big rightware graph TechNinja

 

Secondo i dati che possiamo notare nel benchmark, l’iPhone 6 ha ottenuto un punteggio di circa 21.204 punti, che come anticipato, è di poco superiore rispetto alla controparte A7, che totalizza un punteggio di 20.253 punti. Lievi migliorie dunque, se paragonato al netto salto di prestazioni registrato tra iPhone 5s ed iPhone 5 (con 10.973 punti), o ancora sul 4S (5034 punti).

Per quanto riguarda ad esempio la controparte windows phone, basti pensare che il Lumia 1520 ha registrato un punteggio di ben 25.346 punti (attualmente il miglior punteggio mai registrato). In ambito Android tiene scettro il Sony Xperia Z2, che ha registrato un punteggio lodevole di 25.174 punti. Ad oggi inoltre, non si ha a disposizione alcun benchmark riguardante iPhone 6 Plus, pertanto non è possibile affermare con assoluta certezza se la CPU A8 relativa a questo dispositivo giri sulle stesse frequenze della controparte.

pubblicita

 

Ovviamente voglio ricordarvi che, molto spesso, i benchmark sono fini a se stessi. Gran parte dell’usabilità di un prodotto risiede nell’esperienza utente che esso offre. Ma se fino a qualche anno fa, in questo ambito iPhone regnava incontrastato con il suo iOS, l’avvento di Windows Phone 8.1 e del nuovo Android L (lion), potrebbe ben presto far vacillare gli equilibri della mela morsicata

 

via