Sembra proprio che questa volta Apple l’abbia fatta grossa. Se dopo aver letto il titolo, vi siete chiesti che relazione hanno questo fatidico Errore 53 e iOS9, probabilmente non siete fortunatamente incorsi in questo problema che sta scatenando l’ira degli utenti della mela. Ma andiamo per gradi e analizziamo quello che è successo.

Ormai diversi utenti in rete, hanno subito almeno una volta un danno frontale al loro iPhone, dovendo sostituire lo schermo o il tasto Home. Fin qui nulla di strano ma è doveroso ricordare, che iPhone 5s e successivi sono dotati, all’interno del tasto Home, anche del sensore Touch ID per il riconoscimento delle impronte. Sensore che in alcuni casi ha portato più dolori che gioie, ai suoi possessori. Consideriamo l’eventualità in cui nella nostra zona non ci siano Apple Store e centri autorizzati o che, anche solo per motivazioni economiche e magari a garanzia scaduta, decidessimo di far riparare il nostro device in un qualsiasi laboratorio tecnico in grado di farlo (servizi online compresi). Di sicuro avremmo dalla nostra un risparmio economico ma se il lavoro venisse inoltre fatto a regola d’arte, nessuno si aspetterebbe problemi.

E invece no. Molti utenti hanno avuto una spiacevole sorpresa! Non tanto per la riparazione in sé, ma per un problema software nato dopo l’aggiornamento ad iOS 9. Sembra che l’ultimo OS Mobile di Cupertino, stia creando disagi a tutti coloro che almeno una volta hanno riparato qualcosa del proprio dispositivo senza essersi rivolti ad un centro autorizzato Apple. Errore 53 è la scritta che sta terrorizzando il web in questo periodo e leggerla significa solo una cosa: aver perso per sempre il proprio iPhone, ovvero il BRICK!

Errore 53 : la risposta di Apple

Ebbene sì, sembra proprio che il nuovo sistema operativo di Apple non digerisca affatto i ricambi non originali e durante la fase di update, sembra che tutto si blocchi. Viene spontaneo cercare di ripristinare l’iPhone tramite iTunes ma di tutta risposta riceviamo la scritta “Errore 53”. Ci riproviamo, deve esserci una spiegazione. E invece no. Cosa resta da fare? Rivolgersi ad un Centro Apple sembra la scelta giusta, pensando che ci sia bisogno di qualche riparazione ma, la risposta è laconica esattamente come il messaggio di errore. Ormai non si può far più nulla, bisognava pensarci prima di far riparare lo smartphone in un centro non autorizzato. L’errore 53 è irrisolvibile e l’iPhone è appena diventato un costosissimo fermacarte.

Errore 53 e iOS9: il problema dei ricambi non originali apple touch id

Non è possibile, penserete, in quanto fino a prima dell’update andava tutto bene. Sicuri dell’incompetenza del centro in cui vi siete recati proverete a contattare direttamente Apple o un altro Centro ma la risposta sarà sempre la stessa. Sembra davvero che non ci sia più niente da fare, sembra una mossa per dire: “Hai riparato l’iPhone in un centro non autorizzato? La prossima volta impari a non farlo più e ora ti tocca acquistare un nuovo iPhone”.

La spiegazione di un impiegato Apple è stata la seguente:

L’ Errore 53 è una tutela per l’utente che, abbinato al Touch ID e ad altri sistemi di sicurezza, impedisce la manomissione del device e impedisce accessi non autorizzati.

E’ stato definito tutto come un ulteriore sistema di sicurezza per impedire in caso di furto dell’iPhone, la sostituzione del lettore Touch ID con uno modificato per aggirare il blocco e accedere al contenuto del device.

Il problema non è nell’errore in sé ma nel fatto che Apple non abbia comunicato in nessun modo che, gli utenti con ricambi non originali, potessero incorrere nel brick totale ed irreversibile del proprio costosissimo smartphone. E’ questo il modo con cui Apple intende fidelizzare la propria clientela?
Vorremmo tanto sapere come la pensate voi lettori a riguardo.

Seguici su Facebook, Twitter, Google+, Telegram e Youtube o via RSS per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della Tecnologia!

RIPRODUZIONE RISERVATA ©