Cloud, nuova parola d’ordine per Microsoft

Il cloud è la nuova tecnologia, ma di questo ne avevamo già parlato, quando oracle l’aveva predetto.  Ora anche la casa di Redmond si aggiunge a questo coro. Microsoft ci comunica le sue performance finanziarie, del secondo trimestre finanziario 2016 in Italia. Il cloud infatti diventa il centro dei suoi investimenti, in crescita mentre Lumia cala.

Cloud, nuova parola dordine per Microsoft lazy placeholder TechNinja

Nel complesso, i ricavi trimestrali di Microsoft ammontano a 23,8 miliardi di dollari, circa 22 miliardi di euro, con un calo di ben il 10%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I profitti ammontano a circa 6 miliardi, anch’essi in calo del 23%, come gli utili netti che passano da 5,0 miliardi a 4,5 miliardi di euro. Se guardiamo verso Wall Street, il valore della singola azione è scesa a soli 78 centesimi di dollaro. Insomma, le notizie non sono del tutto rosee.

Leggere i dati finanziari di Microsoft diventa sempre più complesso, a causa del nuovo sistema adottato, per riportare le performance dei vari ambiti del business. La divisione Productivity and Business Processes, che si occupa di Office, Exchange, SharePoint, Skype, Dynamics è scesa del 2% con 6,7 miliardi di dolari di fatturato, la divisione More Personal Computing cioè Windows, i dispositivi hardware, Xbox, ricerca e advertising sono scesi del 5% con 12,7 miliardi di fatturato, mentre la divisione Intelligent Cloud Azure, Windows Server, SQL Server, Visual Studio, Enterprise Services è salita del 5% raggiungendo i 6,3 miliardi

Microsoft ovviamente ci fornisce una sua propria interpretazione di questi risultati, giustificando questi dati in discesa con il costante aumento del dollaro rispetto ad altre valute, insieme alla difficoltà in cui si trova il mercato del PC consumer. In controtendenza invece abbiamo il mercato degli abbonamenti ed i servizi cloud, risultato apprezzabile perchè calcolato sull’effettivo guadagno.

Se passiamo a parlare del settore mobile, la situazione di Windows Phone è preoccupante. Abbiamo infatti un calo di ben il 57% nella vendita dei dispositivi, passando da 10,5 milioni di smartphone a soli  4,5 milioni di Lumia. Da quando il marchio esiste, sono stati venduti circa 110 milioni di dispositivi, contro gli oltre 4,5 miliardi di gadget iOS e Android. Il mercato degli smartphone è sempre in crescita e dato il forte calo dei windows phone, con ogni probabilità questo settore verrà chiuso. Sembra infatti poco probabile che i nuovi Lumia con Windows 10 Mobile, possano ribaltare questa situazione, nonostante le allettanti features come Contiuum e le Universal Windows App.
Cloud, nuova parola dordine per Microsoft lazy placeholder TechNinjaIn ambito hardware, possiamo dire che le vendite di sistemi Surface si sono riprese con un incremento del 29% per un valore di ben 1,35 miliardi di dollari. La console Xbox è invece in forte declino ma Microsoft si dice contenta e parla di un più 30% di utenti attivi su network Xbox Live. Passando a parlare del nuovo Windows 10 per pc, pare che l’iniziativa di offrire gratis per il primo anno l’OS, abbia accelerato il declino del mercato dei PC. Microsoft per questi motivi, da produttrice di software, hardware ed OS, potrebbe trasformarsi in un’azienda che vende abbonamenti e servizi informatici come il cloud.

Se questo articolo ti è piaciuto, per mantenerti aggiornato seguici su FacebookTwitterGoogle Plus, YouTube e Telegram.