pubblicita
pubblicita

Siri, risolto il bug riguardante le cliniche abortive

pubblicita

Siri, l’assistente virtuale presente sui dispositivi iOS, ha dimostrato in questi anni di essere la migliore nel suo campo, sbaragliando gli avversari Google Now (Android) e Cortana (Windows Phone). Nonostante le ottime prestazioni, però, dobbiamo tenere a mente che Siri è pur sempre una ‘segretaria’ virtuale, non è fatta di carne ed ossa ma di bit, e per questo potrebbe presentare alcuni bug, che vengono risolti con costanti aggiornamenti. E proprio un bug è il principale soggetto di questo nostro articolo odierno.

Siri: bug reale o campagna contro l’aborto?

Nel 2011, Apple fu al centro di grosse polemiche: quando si chiedeva a Siri di cercare nelle vicinanze cliniche abortiste, l’assistente vocale restituiva un elenco di agenzie d’adozione o cliniche della fertilità. Subito sono partite lamentele e discussioni, fino a giungere all’ipotesi che l’azienda di Cupertino fosse contraria all’aborto.

Apple ha tempestivamente chiarito la situazione, specificando che si trattava di un problema tecnico e che gli sviluppatori si sarebbero messi subito al lavoro per risolvere il bug. Solo da qualche settimana, però, il difetto sembra essere completamente sparito.

Il mese scorso, infatti, Fast Company (noto mensile americano che tratta di tecnologia ed innovazione) ha pubblicato un articolo nel quale testava il funzionamento di Siri: dopo averle chiesto di mostrare le cliniche abortive nella zona di San Francisco, l’assistente non ha fornito alcun risultato alla ricerca.

Siri, risolto il bug riguardante le cliniche abortive rsz last week a search for abortion from the bayview district of san francisco still displayed an adoption agency first on apple maps l while google maps led with planned parenthood min TechNinja

Da qualche settimana, come detto in precedenza, tutto sembra essere tornato alla normalità: ora vengono mostrate le strutture di Planned Parenthood (associazione che riunisce le cliniche nelle quali si effettuano aborti) ed altri luoghi nei quali è possibile abortire. In alcune ricerche compaiono ancora centri di adozione, ma sono posizionati alla fine della lista.

Alcuni credono che l’aggiunta del servizio Nearby (Nelle vicinanze) alle Mappe Apple sia uno dei responsabili della comparsa dei giusti risultati nella ricerca con Siri. La funzione (non disponibile in Italia), aggiunta con iOS 9, mostra i luoghi d’interesse (ristoranti, bar, stazioni di servizio, attrazioni, aziende) situati nelle vicinanze dell’utente, usandone la sua posizione.

In una categoria dedicata ai servizi per la famiglia, appaiono le strutture di Planned Parenthood presenti nei paraggi.

pubblicita

Questa potrebbe essere la risposta al problema ma non è ancora chiaro il perchè Apple abbia atteso così tanto prima di porre rimedio a questa situazione.

La possibile spiegazione starebbe nel fatto che Parental Childhood e molte altre cliniche adibite all’aborto non si facciano etichettare come tali.

Siri, risolto il bug riguardante le cliniche abortive rsz siri ft min TechNinja

Secondo Engine Search Land, sito web che si occupa di marketing ed ottimizzazione di ricerche online, Siri non era in grado di mostrare molte cliniche abortive, tra cui quelle di Parental Childhood, perchè non era possibile trovare un’associazione tra quest’ultime ed il termine di ricerca “aborto“.

Ora sta a noi decidere cosa pensare realmente: secondo voi, è davvero questa la spiegazione al bug di Siri oppure Apple stava cercando di condividere con il mondo intero la sua posizione a favore della vita (e quindi contro l’aborto)? Fatecelo sapere nei commenti!

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Telegram, YouTube o vis RSS per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della tecnologia!