WhatsApp abolisce labbonamento annuale ! %name

Jan Koum, il “papà” di WhatsApp, ha dichiarato che la sua creatura non sarà più a pagamento, come avvenuto sino ad oggi, attraverso il canone annuale.

La notizia appena giunta, in maniera quasi sorprendente: Pare sia stata presa per poter avvicinare più persone all’App IM, eliminando qualsiasi barriera, persino quella economica.

Questa decisione, ai più rimane comunque molto “sorprendente” in quanto il portale, ha una crescita di circa 900 milioni di nuovi utenti ogni mese, che in soldoni corrisponde a quasi 1 miliardo di dollari annui, con il solo “Conquibus”.

 

WhatsApp abolisce labbonamento annuale ! WhatsApp 3 1024x535

Jan Koum, creatore di WhatsApp, durante la conferenza DLD di Monaco

Durante la conferenza DLD, che in questi giorni si sta svolgendo a Monaco, Koum ha dichiarato che nonostante il costo, inferiore ad un dollaro, sia veramente poco incisivo per le persone, la gestione dei vari store virtuali come l’AppStore e PlayStore, dove per forza di cose bisogna inserire i propri dati personali, compresi i numeri della carta di credito, ha sin’ora creato disagi e a volte grosse limitazioni, da parte degli utenti.

 

WhatsApp abolisce labbonamento annuale ! Schermata 6 1024x679

Foto: Merlini Alessandro, Account AppStore

 

Il pagamento del canone annuale sarà eliminato immediatamente da ogni piattaforma Store, anche se prima di vedere attuato questo grande cambiamento, ci vorranno delle settimane, per permettere alle case di regolarizzare, specie a livello informatico/amministrativo le cose. In caso di pagamento effettuato dai nuovi utenti nel lasso di tempo antecedente al via, quindi nei prossimi giorni, non vi sarà alcun modo per esseri rimborsati della spesa..! La storica decisione presa da Koum e Zuckerberg (essendo come noto WhatsApp una controllata di Facebook), porterà probabilmente le software house verso il modello di business, per cui si preferisce evitare pubblicità sgradite attraverso spam, proprio come già avvenuto per il famoso Social Network con Messenger, piuttosto che fare la guerra del prezzo.

” Chiaro che le persone vogliono sapere come possiamo mantenere WhatsApp senza il costo dell’abbonamento annuale e se l’annuncio di oggi possa aprire all’ingresso della pubblicità nella piattaforma. La risposta è no. Da quest’anno proveremo degli strumenti che permettono di utilizzare WhatsApp per comunicare con organizzazioni e con il mondo del business che interessa. Questo significa comunicare con la propria banca se le ultime transazioni siano sospette o meno, oppure con una compagnia di linea su eventuali ritardi del volo. Noi tutti riceviamo simili messaggi già oggi – attraverso i classici SMS e le chiamate – noi vogliamo testare degli strumenti che permettano di farlo anche su WhatsApp, offrendovi ancora un’esperienza d’uso senza pubblicità e spam “.

 

Cosa ne pensate di questa “bomba” arrivata fresca fresca oggi ? Fateci sapere i vostri commenti..

 

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Telegram e YouTube o vis RSS per essere sempre aggiornati su tutto ciò che riguarda il mondo della tecnologia!

 

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA ©