Google sta lanciando un centro di ricerca AI in Francia e sta espandendo il suo ufficio

La Francia sta diventando un paese chiave per le grandi aziende tecnologiche, tra cui Google che espanderà a Parigi i propri uffici.

Il CEO di Google, Sundar Pichai, ha scritto un post sugli investimenti di Google in Francia. Ci sono tre diverse notizie in questo annuncio.

Google in Francia: nuovi investimenti

Innanzitutto, Google espanderà il suo ufficio a Parigi. La società acquisirà o affitterà altri edifici attorno all’ufficio corrente di Google e li collegherà tra loro. Google sta aggiungendo 6.000 metri quadrati di spazi per uffici; in totale, quindi, un migliaio di dipendenti di Google avranno base a Parigi.

Oltre a far crescere gli attuali team di Google, l’azienda creerà un nuovo centro di ricerca dedicato all’intelligenza artificiale. La Francia ha alcune delle migliori università e scuole del mondo quando si tratta di scienza, tecnologia, ingegneria e matematica. E’ questo il motivo che ha spinto Facebook a creare un centro di ricerca AI a Parigi nel 2015.

Google non ha condiviso altri dettagli sui propri piani per il suo centro di ricerca AI, ma è chiaro che Parigi è diventata una città chiave quando si tratta di talento AI.

Infine, Google sta creando Google Hub con partner locali in Francia, a partire da Rennes, con altri tre hub in arrivo. Quelle posizioni fisiche aiuteranno quando si tratterà di apprendere le competenze digitali.

Google sta lanciando un centro di ricerca AI in Francia e sta espandendo il suo ufficio Schermata 2018 01 22 alle 22.27.41 TechNinja

Ampliamento di uffici e sviluppo di intelligenza artificiale

Il presidente francese Emmanuel Macron si è incontrato in privato con Sundar Pichai di Google e Sheryl Sandberg di Facebook proprio ieri. Macron ha, inoltre, invitato 140 CEO a Versailles per parlare dell’attrattiva della Francia davanti a Davos.

Negli ultimi anni, Google ha dovuto affrontare un’enorme multa pari a 1.3 miliardi di dollari per non conformità fiscale in Francia; un tribunale di Parigi ha annullato la sanzione a luglio 2017, ma è chiaro che la Francia rappresenta un mercato importante per le grandi aziende tecnologiche.