Samsung ha annunciato Bixby 2.0

Ieri a San Francisco, due mesi dopo il lancio di Bixby 1.0, Samsung ha presentato Bixby 2.0; ora è aperto agli sviluppatori di terze parti ed è progettato per i dispositivi intelligenti.

Ieri, Samsung ha annunciato l’arrivo della seconda generazione del suo assistente digitale, Bixby 2.0 che ora è orientato anche verso i dispositivi intelligenti per la casa, così come era stato preannunciato poco tempo fa.

Alcune novità

Il nuovo assistente farà il suo ingresso in un mercato dove i concorrenti sono Alexa di Amazon e Google Assistant; Samsung ha affermato che Bixby 2.0 ha ottenuto miglioramenti nell’elaborazione di un linguaggio naturale e sarà in grado di prevedere le necessità dell’utente, a prescindere da quale dispositivo sia in esecuzione.

La nuova versione di Bixby agirà come hub di controllo del vostro ecosistema di dispositivi

dice Samsung. Questo include telefoni, televisori, frigoriferi, altoparlanti e la miriade di altri dispositivi che ora possono essere collegati ad Internet. Bixby 2.0, come Alexa e Google Assistant, sarà inoltre aperto agli sviluppatori per creare e collegare applicazioni e servizi esistenti.

Samsung ha annunciato Bixby 2.0 vpavic 220317 1557 0239.0.0 TechNinja

Bixby 2.0 è aperto a sviluppatori di terze parti

A partire da oggi, il nuovo kit di sviluppo del software Bixby di Samsung sarà aperto agli sviluppatori in versione beta. Inoltre, la società sta anche per lanciare Bixby sulle TV Samsung, iniziando da Stati Uniti e Corea.

Samsung ha rivelato Bixby per la prima volta in occasione della presentazione di Galaxy S8 a marzo, aggiungendo il supporto a più di 200 lingue e dispositivi Android. Tuttavia, il software è stato spesso bloccato dalla sua implementazione confusa; infatti, oltre ad esistere tre versioni differenti (Voice, Home e Vision), il prodotto non si è mostrato molto efficace rispetto alle offerte di Amazon, Apple, Google e Microsoft.

Al momento attuale, non è chiaro come Bixby 2.0 migliorerà l’attuale esperienza, ma c’è la possibilità che l’assistente di Samsung possa evolvere nel tempo ed essere reso più potente grazie al supporto degli sviluppatori di terze parti. Purtroppo, finché questo non avviene, gli utenti si ritroveranno bloccati con strumenti che non funzionano bene ed un servizio che molte persone non desiderano.