iPhone X: ecco perchè il Face ID non ha funzionato durante la presentazione

Durante la presentazione della nuova funzione di riconoscimento facciale di iPhone X, Face ID, qualcosa è andato storto. Apple ci spiega il perché.

Durante una prima dimostrazione del funzionamento di Face ID, il nuovo sistema di autenticazione dell’utente che sarà introdotto come funzione esclusiva di iPhone X, Craig Federighi sembra aver avuto un problema nel farsi riconoscere dal dispositivo, sollevando diversi dubbi sulla sua affidabilità e precisione.

Come spesso succede le voci e speculazioni sono le prime cause di incomprensioni sulla realtà dei fatti, a favore delle ipotesi di un guasto del sensore o di una non completa affidabilità. La realtà la rivela la stessa Apple, in una dichiarazione fornita a David Pogue di Yahoo, suggerendo che né Federighi né iPhone X avrebbero errato la procedura corretta per lo sblocco. Infatti, sembrerebbe che prima di Federighi molte persone abbiano interagito con iPhone X, portando il dispositivo ad attivare la richiesta di codice di sblocco.

Face ID sarà preciso come promesso da Apple?

Dopo aver esaminato la registrazione della dimostrazione di iPhone X, Apple ha finalmente capito cosa è andato storto. Da quanto detto, le prime teorie sul mancato funzionamento erano completamente errate. La realtà dei fatti è che diversi dipendenti hanno interagito con iPhone X per prepararlo alla presentazione, senza tuttavia accorgersi che questo stesse tentando di sbloccarsi tramite il loro volto. Dopo aver fallito un certo numero di volte, in quanto non i veri proprietari dell’iPhone, il dispositivo ha fatto quello per cui è stato progettato, cioè richiedere il codice di sblocco. In altre parole il Face ID ha funzionato come da manuale.

iPhone X: ecco perchè il Face ID non ha funzionato durante la presentazione face id iphone x 1 TechNinja

In base alla documentazione consegnata agli sviluppatori, mentre il Touch ID blocca l’iPhone e richiede agli utenti di immettere il codice di sblocco dopo cinque tentativi non riusciti, Face ID consente al massimo due tentativi di riconoscimento prima di bloccare il dispositivo e richiedere all’utente di inserire il proprio codice di accesso per poter sbloccare il Device.

Ci sono state diverse opinioni sul numero di volte in cui Federighi ha tentato di sbloccare iPhone X con Face ID mentre era sul palco, dati i due tentativi di limite, ma la spiegazione di Apple potrebbe avere senso. Durante la dimostrazione un secondo iPhone X è stato sbloccato senza problemi, confermando così la spiegazione.

L’entità dell’affidabilità e precisione di Face ID resteranno in gran parte sconosciute fino a quando iPhone X non sarà ufficialmente disponibile nelle mani degli utenti a partire da novembre. I membri dei media hanno avuto modo di mettere mano al dispositivo dopo il keynote, ma le recensioni sono state piuttosto confusionarie. La maggior parte delle persone sono apparse piuttosto impressionate da Face ID e hanno evidenziato come abbia sempre svolto la sua funzione, mentre alcuni hanno riportato mal funzionamenti, come la necessità che lo schermo fosse acceso prima di rilevare il volto dell’utente.

Face ID utilizza tecniche di scansione a infrarossi per creare un modello matematico del volto di un utente, che viene poi confrontato con una prima scansione facciale memorizzata sul dispositivo per l’autenticazione. Poiché utilizza gli infrarossi, Face ID funziona al buio e in condizioni di scarsa illuminazione, e Apple afferma che sia in grado di riconoscere i tratti somatici di un utente anche con cappelli, occhiali, barba, trucco e altri oggetti che possano oscurare parzialmente il volto.