Google I/O: Google Assistant debutta su iPhone e sfida Siri

Come preannunciato, il colosso di Mountain View ha rilasciato Google Assistant su iPhone, il suo assistente virtuale con un'applicazione dedicata, disponibile in lingua italiana entro la fine dell'anno.

pubblicita

Come era stato anticipato nelle scorse settimane, in occasione della decima conferenza di Google I/O, il colosso di Mountain View ha introdotto la versione per iPhone di Google Assistant, già disponibile al download negli Stati Uniti, in arrivo in Italia entro la fine dell’anno.

La nuova applicazione dedicata per iOS consente di effettuare richieste all’assistente virtuale di Google le quali vengono elaborato in modo analogo a quanto già mostrato su Android. A causa delle limitazioni di Apple sull’architettura iOS, gli utenti non potranno sostituire definitivamente Siri con l’assistente di Google, ma dovranno accedere all’app per eseguire richieste vocali.

Google Assistant in italiano entro la fine dell’anno

Tra le varie migliorie in arrivo per Google Assistant, è prevista l’implementazione di un nuovo algoritmo per l’elaborazione delle immagini di Google Lens, con riconoscimento del testo relativo alla posizione, per un approccio sempre attivo. Inoltre, la società americana ha rivelato che aggiungerà 10 nuove lingue entro la fine dell’anno, tra cui l’italiano.

Google I/O: Google Assistant debutta su iPhone e sfida Siri google assistant iphone TechNinja

Google Assistant è considerato uno strumento più avanzato dell’attuale Voice Search sempre di proprietà di Google, in quanto è in grado di interpretare il contesto di una domanda, costruendo una conversazione attiva piuttosto che una serie di risposte ripetute. Ad esempio, una delle funzioni è quella di riconoscere domande affini per creare una risposta unica, invece di rispondere a ciascuna richiesta separatamente.

Il colosso di Mountain View ha introdotto il suo assistente virtuale lo scorso anno, come strumento aggiuntivo dell’applicazione di messaggistica Allo, disponibile su dispositivi Android. L’edizione di lancio consentiva agli utenti di interagire con il bot del servizio di messaggistica, fornendo risposte alle domande come parte di una specie di conversazione tra persone.

pubblicita

Google I/O: Google Assistant debutta su iPhone e sfida Siri google io TechNinja

Il direttore del reparto gestione prodotti di Google, Gummi Hafsteinsson, aveva suggerito la possibilità di assistere alla presentazione ufficiale di Google Assistant su iOS già alla Mobile World Congress di marzo. Mentre, il lancio è stato posticipato alla Google I/O, Hafsteinsson affermò che l’obbiettivo della società fosse quello di mettere il suo assistente virtuale a disposizione di più utenti possibili.

La compagnia di Cupertino deve ora fronteggiare la nuova concorrenza di Google su iOS, ma, secondo quanto detto negli scorsi mesi, sarebbe già pronto un importante aggiornamento per Siri con il prossimo update di iOS 11. Lo scorso anno, Apple ha aperto il proprio assistente virtuale agli sviluppatori di terze parti, rilasciando un SDK che consentisse l’integrazione di Siri in applicazione non di proprietà della società californiana, come app per eseguire pagamenti ed inviare messaggi. Inoltre, Apple ha concluso una serie di acquisizioni per tecnologie di elaborazione linguistica, altro fattore che confermerebbe l’arrivo di un nuovo aggiornamento.

L’applicazione Google Assistant è già disponibile al download gratuito su App Store e richiede 256 MB di spazio di archiviazione libero. Può essere installato su qualsiasi iPhone con iOS 9.1 o versioni successive. Per chi volesse scaricarlo già ora in Italia, ovviamente in lingua inglese, è sufficiente cambiare il Paese nelle Impostazioni dell’App Store.

VIAappleinsider
Condividi
Articolo precedenteiPhone 8: nuovo mockup ne svela il design definitivo
Prossimo articoloHumble Bundle 18: una carrellata di giochi per Linux
Influencer, Blogger e Studente di Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, appassionato di tecnologia, web marketing, fotografia, viaggi e lifestyle. Ho iniziato a lavorare con internet nel 2012 quando ho acquistato il mio primo MacBook, ma la mia passione per le cose da "nerd" nasce quando ero bambino. Mi piace condividere le mie idee e opinioni riguardo ciò che mi appassiona, ma soprattutto restare informato e informare sulle ultime novità in campo tecnologico.