Apple, diatriba con Imagination Technologies per brevetti e GPU

La società inglese è crollata in borsa dopo che Apple ha annunciato di voler raggiungere l'indipendenza per il reparto grafico

Non se la passa bene Imagination Technologies, la società anglosassone che per anni si è occupata del reparto grafico di Apple, progettando e sviluppando chip, architetture e tecnologie per iPhone, iPod e iPad.

Apple, diatriba con Imagination Technologies per brevetti e GPU building landscape TechNinjaGià lo scorso Ottobre Apple aveva palesato l’intenzione di rendersi sempre più indipendente da Imagination Technologies, e tale decisione è stata più volte confermata nel corso delle ultme settimane: un colpo devastante, dal momento che circa la metà dei ricavi di Imagination Technologies proviene proprio dai prodotti e dai servizi che la società fornisce ad Apple.

Imagination Technologies, tra vendita e ultime battaglie disperate

Come abbiamo detto, Apple ha deciso che d’ora in avanti saranno i suoi stessi laboratori a sviluppare le tecnologie grafiche dei prossimi dispositivi con la mela sul retro: dopo questo annuncio, Imagination Technologies è colata a picco in borsa, perdendo in un un mese il 65% del proprio valore.

Impossibile anche la strada della vendita: non ci sono, al momento, società interessate all’acquisizione, nè tantomeno Apple (che dispone già di una grossa fetta delle azioni) ha intenzione di assorbire del tutto Imagination Technologies. La società, allora, ha deciso di imboccare la strada della lotta ad oltranza, intentando causa ad Apple.

Apple, diatriba con Imagination Technologies per brevetti e GPU 111688398 iphone large trans NvBQzQNjv4BqjJeHvIwLm2xPr27m7LF8me0Jyi0jPPD6Zx1hiwTPhlc TechNinjaIl motivo? Secondo Imagination Technologies Apple non è in grado di sviluppare nuove tecnologie senza violare i suoi precedenti brevetti. La società anglosassone, allora, chiede che il colosso di Cupertino continui a corrispondere le cifre necessarie all'”affitto” di tali brevetti.

Probabilmente, da un punto di vista legale, l’ipotesi sostenuta da Imagination Technologies non è valida: tuttavia, per evitare di imboccarsi in una ulteriore e dispendiosa sfida legale, Apple potrebbe optare per una soluzione pacificatrice, proponendo ad Imagination Technologies una cifra per l’acquisizione definitiva, che soddisferebbe entrambe le parti.