Recensione LG K10 2017: Fotocamera, display, autonomia

Recensione LG K10 2017: unboxing, test fotocamera, analisi display e test prestazioni ed autonomia per questo smartphone prodotto da LG.

LG K10 2017, smartphone medio di gamma che ha come punti di forza la leggerezza, lo spessore ridotto ed una buona autonomia con una batteria che, cosa molto rara negli smartphone di oggi, è rimovibile. Qualche piccola miglioria rispetto alla versione dello scorso anno, ma nessun punto di particolare eccellenza.

Vediamo quindi come si comporta LG K10 2017 nella nostra recensione completa.

?ACQUISTA LG K10 2017 SU AMAZON?

[aps_product id=”41050″]

?ACQUISTA LG K10 2017 SU AMAZON?

Confezione ed accessori

Scatola di cartone che elenca le caratteristiche hardware del telefono in bella mostra nella faccia principale. Al suo interno troviamo lo smartphone, il caricabatterie da 5A, ed un paio di auricolari di fattura media, ma purtroppo non in ear. La confezione non presenta quindi particolari sorprese.

Design, materiali, ergonomia

Plastica sul retro con effetto spazzolato che tende a simulare il metallo: una soluzione che nel panorama attuale degli smartphone di oggi che, anche a prezzi ormai ben più bassi presentano materiali ben più nobili.

LG K10 2017 si tiene bene in mano. Si percepisce immediatamente la leggerezza di questo smartphone ed il suo spessore ridotto (soli 7.9 mm) che ne permettono un uso prolungato senza stancare le mani. Sul lato sinistro abbiamo il bilanciere del volume. Sul posteriore abbiamo la fotocamera da 13 MegaPixel, il flash led, ed il tasto di sblocco che, pur sembrano contenga un sensore biometrico, in realtà è un semplice pulsante on /off. Inoltre non è presente alcun led che possa notificare messaggi, e-mail o chiamate perse. Sono queste piccole mancanze, ma che nel complesso minano la propensione all’acquisto di questo smartphone, anche in considerazione di una concorrenza sempre più agguerrita.

Display

Il display a bordo di questo LG K10 2017 è un pannello IPS LCD con risoluzione in HD da 720 x 1280 pixel. Anche qui niente di cui stupirsi: i colori sono naturali, la luminosità nella media, angoli di visione ampi ma neri che tendono un po al grigio. La dimensione del display è da 5.3 pollici. Come da tradizione LG, è sempre presente la tecnologia Knock On per risvegliare il display con un doppio tocco su di esso. Piccola chicca: è possibile sbloccare completamente questo smartphone impostando un tocco segreto, ovvero una sequenza di picchiettii sul display che fungono da combinazione di sblocco dello smartphone stesso.

Fotocamera

Nella media il comparto fotografico di questo smartphone. La fotocamera posteriore è da  13 MegaPixel f/2.2. Un obiettivo quindi non luminosissimo, e che soffre un po nelle foto con scarsa luminosità. Molte comunque le implementazioni, tra le quali spunta l’HDR. Un difetto che ho notato durante il test di questo smartphone è la non reattività dello scatto durante l’avvio della fotocamera: in pratica, vi capiterà che dopo aver avviato l’app fotocamera, anche cliccando sul tasto di scatto non succederà nulla, e dovrete attende un paio di secondi prima di poter eseguire la foto. Un particolare non da poco, e che potrebbe darvi qualche noia quando ad esempio volete immortalare un attimo fuggente.

La fotocamera frontale è da 5 MegaPixel f/2.4. Anche qui abbiamo un’ottica non proprio luminosa: sopperire la funzionalità di fotocamera grandangolare con angolo di 120 gradi, che vi permetterà di riprendere più particolari in un selfie.

Lato video, manca lo stabilizzatore in entrambe le fotocamere, ed i video sono girati in HD o FullHD.

Software

Il software a bordo di LG K10 2017 è Android Nougat 7.0. Tra le funzionalità di spicco, QSlide che ci permette di aprire alcune app da noi selezionate in una finestra, e poterle utilizzare mentre ad esempio navighiamo sul drawer delle applicazioni, o utilizziamo un’altra app a tutto schermo. Questa funzionalità risulta comodissima durante i video: in tal caso possiamo vedere il nostro video mentre ad esempio inviamo un messaggio, o stiamo consultando il nostro social preferito. E’ presente la modalità multi-windows ereditata da Nougat, ed è presente la funzionalità denominata Capture+, che ci permette di prendere al volo note o appunti.

Sia Qslide che Capture+ sono disponibili mediante due pulsanti dedicati che possono essere inseriti nella barra inferiore.

Per il resto, non vi sono particolare funzioni da segnalare. Il software gira in maniera abbastanza fluida, anche se qualche impuntamento di tanto in tanto si fa notare (ad esempio, il caricamento durante alcune foto del rullino).

Il browser predefinito è Chrome, e gira abbastanza bene, sebbene il rendering di pagine più pesanti sia un po lento.

Hardware

L’hardware a bordo di LG K10 comprende un SOC Mediatek MT6750 che è composto da otto core che hanno una frequenza massima di 1.5 GHz, GPU Mali T8660MP2 e 2 GB di RAM. La dotazione è quindi nella media e non vi sono particolari problemi durante l’utilizzo di app che sfruttano la grafica 3D. Il nostro test con Real Racing 3 ha però mostrato qualche piccolo calo di framerate durante le fasi di gioco più concitate.

Autonomia

Buona l’autonomia generale di questo smartphone. Con la sua batteria da 2800 mAh removibile (caso più unico che raro nel 2017), LG K10 2017 mi ha permesso di terminare una giornata di uso medio con l’8% di batteria residua. In condizioni di uso stress, potrebbe essere necessaria una ricarica intermedia.

Conclusioni

LG K10 2017 presenta degli indubbi vantaggi: un buon design, leggerezza e profilo sottile, che lo rendono un smartphone bello da vedersi. Buona l’autonomia e la batteria è removibile. La fotocamera tuttavia non eccelle, manca un sensore di impronte digitali e non vi sono punti di forza particolari che lo caratterizzino o che gli conferiscano particolare “personalità” nel panorama degli smartphone. E’ tuttavia uno smartphone ben bilanciato, e venduto ad un prezzo nei negozi fisici che si aggira intorno ai 190 euro.

?ACQUISTA LG K10 2017 SU AMAZON?