Recensione EaseUS Data Recovery Wizard il software per recuperare i dati persi

Non so se vi è mai capitato di perdere, per le più svariate motivazioni, dati da uno dei pc che compongono la vostra dotazione digitale. Si dirà, ok ma io in ufficio ho un sistemista preparatissimo che fa un backup ridondante di tutti i dati aziendali, ragione per la quale dormo sonni tranquilli… si come no.

Una cosa che ho imparato, al di la di tutto, è l’assioma seguente:  “i dati sono importanti, tutti.”

Ed è, ahimè, verissimo. Perché non considerando per un momento i dati di produttività quotidiana, quelli che ci consentono di svolgere le nostre attività lavorative e senza i quali saremmo… ehm in difficoltà, dobbiamo considerare anche gli altri. Quelli cui siamo legati per altre motivazioni e che sono, di solito, irripetibili.

(immaginate una musica strappalacrime please) Le fotografie di tuo figlio quando era in fasce, il video del compleanno della nonna con la famiglia riunita… giusto per citare i primi esempi (un po’ da mulino bianco invero) che mi vengono in mente. Tutto questo per dire che perdere dei dati non è mai un’esperienza piacevole. Diciamo che non lo augurereste neppure al vostro peggior… no a lui anche si, ma non è quello il punto.

Fedele al detto “tutti meritiamo una seconda possibilità” volevo farvi presente che, si, esistono dei software in grado di recuperare dati “persi”, sia perché (si spera accidentalmente) cancellati da noi, sia a causa di malfunzionamenti hardware (avete presente l’hard disk che si disintegra improvvisamente senza dare alcun preavviso… ecco, lui.)

Il software di cui vi parleremo oggi si chiama EaseUS Data Recovery Wizard e lo ho provato per voi. Ecco cosa ne penso.

La semplicità è una buona base su cui lavorare

Recensione EaseUS Data Recovery Wizard il software per recuperare i dati persi lazy placeholder TechNinja

Di norma, un applicativo di Data Recovery è dotato di una fortissima parametrizzazione cosa che permette all’utente di regolare finemente le preferenze ed il modus operandi del software. L’approccio di EaseUS Data Recovery Wizard è, se possibile, diametralmente opposto. Pochi parametri da settare, poche decisioni da prendere per l’utente finale cui è demandata esclusivamente la scelta della memoria da analizzare ed il tipo di file da cercare selezionabile tra file immagine, audio, posta elettronica, documenti, video, archivi compressi oppure, genericamente, altri file non appartenenti alle categorie elencate prima.

Impostati questi parametri, e ci vorrà poco, il sistema chiederà se si vorrà fare una scansione “semplice” o “approfondita”, se si sceglierà questa ultima opzione, beh andate a prendere da bere e dedicatevi ad altro perché EaseUS Data Recovery Wizard macinerà un bel pò prima di restituirvi i risultati, che però saranno decisamente più soddisfacenti rispetto a quelli che potreste ottenere con uno scan rapido.

I formati, non quelli di stampa

Recensione EaseUS Data Recovery Wizard il software per recuperare i dati persi lazy placeholder TechNinja

Quello che colpisce di questo applicativo è che, nonostante l’evidente semplicità delle operazioni che è possibile eseguire, riesca a rendersi utile strumento al recupero di una quantità importante di file, sia per numero che per quantitativo di formati.

Tra gli altri che abbiamo recuperato nel nostro test: MKV, AVI, MPG, MOV e MP4, gli MP3, i WAV, i WMA ed altri formati audio lossless, i file PST, DBX, EMLX e altri archivi di posta elettronica, e poi archivi compressi, le ISO, i file eseguibili e tanti tanti altri.

E’ tutto oro quello che luccica?

No, purtroppo anche in questo caso, no.

EaseUS Data Recovery Wizard, nella sua versione free, consente di recuperare al max 500 mb di file (sino a 2gb in determinate situazioni), ma, per poter operare su un maggior quantitativo di dati, bisognerà acquistare una licenza, che ha un costo di €80 circa. Non proprio una sciocchezza, considerando la presenza, in questo campo, di competitor celebri e decisamente agguerriti.

In Conclusione

Pro

  • Interfaccia semplice
  • Buon algoritmo per il recupero dei dati persi

Contro

  • Costo della licenza poco attraente
  • Localizzazione in italiano imperfetta