Nuove modalità di rimborso per Microsoft, che ha messo a punto una nuova policy per il suo Windows Store. Nello specifico, sono interessante tutte le app e i giochi acquistati sia su device con Windows 10, che su console Xbox One.

Microsoft e il nuovo metodo di rimborso self-service

Una novità molto interessante che è venuta a galla proprio grazie all’ultima build di sviluppo di Xbox One. Il tutto è stato, quindi, segnalato da coloro i quali sono iscritti al programma Xbox Insider, che si sono accorti della cosa. Nell’annuncio che è stato notato e che ha portato all’attenzione suddetta notizia, si è notato anche un riferimento a Windows 10.

Microsoft sperimenta nuova modalità di rimborso self service per il Windows Store windows store

Naturalmente, Microsoft spiega per filo e per segno come accedere al rimborso e come eseguire la procedura per ottenerlo.

Cosa ha portato a una scelta del genere? Di sicuro, le continue richieste proprio degli iscritti al programma Insider, che da tempo richiedono a gran voce una tale possibilità. In questo, la casa di Redmond si dimostra sempre maestra e sempre attenta alle esigenze di chi testa i suoi prodotti prima che ne escano le versioni definitive sul mercato. Ecco, quindi, che l’inserimento dei rimborsi self-service è solo un’ennesima riprova di quanto appena detto.

La novità è molto interessante, perché permette a tutti coloro i quali acquistando un’app o un gioco su Xbox One Windows 10 di ottenere un rimborso in maniera semplice e veloce nel caso in cui vogliano rendere il prodotto in questione.

Come richiedere il rimborso self-service Microsoft?

Ecco, quindi, quelli che sono i passaggi da fare per accedere al rimborso. La prima cosa da fare è quella di andare sul sito account.microsoft.com, accedere con i propri dati ed entrare nella sezione Pagamento e fatturazione, nella quale appare la voce Cronologia Acquisti, che è quella che interessa in questo caso. In tale sezione sarà possibile selezionare il prodotto digitale che si intende restituire per ottenere il rimborso.

Attenzione, però, perché non tutte le app o i giochi sono rimborsabili. Vediamo, quindi, quali sono i termini per ottenere il rimborso.

Innanzitutto, il gioco o l’app che si desiderano restituire non devono essere stati acquistati da più di due settimane. C’è un limite anche di utilizzo: non deve superare le due ore. Segnaliamo che non possono essere rimborsati DLC, i season pass e gli add-on. 

Inoltre, al fine di poter ricevere il rimborso in questione, l’app o il gioco devono essere stati scaricati e aperti almeno una volta e bisogna attendere un giorno dopo il rilascio del prodotto. Al fine di evitare eventuali abusi da parte degli utenti, Microsoft specifica che non tutti i giochi e le app rientrano in tale meccanismo self-service.