Secondo autorevoli associazioni indipendenti, la reputazione dei MacBook Air e Pro, è quella di essere i laptop più sicuri e affidabili, al momento, disponibili sul mercato.

Infatti, anche una delle maggiori associazioni di settore come Consumer Reports ( totalmente indipendente e senza vincoli di interesse), associazione dei consumatori USA, ha, poco tempo fa, divulgato gli ultimi sondaggi che hanno portato alla luce, quanto sia favorevole l’opinione verso i computer dell’azienda di Cupertino. L’indagine è stata condotta attraverso un sondaggio, rivolto agli abbonati fedelissimi alla propria rivista, coinvolgendo all’incirca 58.000 persone; dove veniva chiesto loro cosa ne pensassero dei propri laptop e computer. Nello specifico il risultato che ne è uscito, è che i prodotti della Apple sono di gran lunga migliori per ciò che riguarda l’affidabilità e la sicurezza, specialmente nei due portatili MacBook Pro e MacBook Air.

 

MacBook, i portatili più stimati dagli utenti macbook air 300x151

L’Analisi

Pare infatti che i prodotti della Apple, nel complesso delle macchine analizzate, abbiano avuto problemi tecnici nel lasso di tempo di tre anni di funzionamento, solamente nel 10% dei casi, vincendo così lo scettro dei vincitori in questa particolare sfida. Percentuale questa molto più bassa se confrontata con modelli della concorrenza come ad esempio i computer di Samsung, di Acer e Lenovo (IBM). Entrando più nello specifico, se si analizzano in maniera più approfondita i problemi più gravi riscontrati, la percentuale di malfunzionamento “critica” scende ulteriormente, arrivando a circa 6- 7% rispetto alla concorrenza che si porta vicino al 19-20% degli intervistati.

I vari Problemi

Oltre ai problemi hardware, si è tenuto conto anche dei vari disagi e malfunzionamenti  software, dove i computer con sistema operativo della Microsoft hanno riscontrato maggiori problematiche rispetto ai loro cugini con a bordo OSX, specialmente nella ultima sua realise 10.11 El Capitan (anche se viene criticato continuamente dai suoi più acerrimi bistrattori , dove gli viene imputata la poca flessibilità), nonostante l’utilizzo più intenso nell’uso d’ufficio e privato per un totale di 23 ore a settimana contro le 20 degli “altri”.

Il punto nolente maggiore per i computer della Apple, sta nei costi di riparazione in caso di rotture. Infatti i pezzi di ricambio e la manodopera specializzata per riparare un MacBook sono molto più costosi rispetto ad un qualsiasi computer “normale”. Per questa ragione, quando si acquista un nuovo prodotto della mela morsicata, consigliamo di sottoscrivere la garanzia AppleCare. Questa ci permette, in caso di necessità, di usufruire gratuitamente alla riparazione del nostro gioiellino con un’estensione ulteriore di tempo, anche a garanzia terminata ( di solito Apple garantisce i suoi prodotti un anno, mentre il rivenditore generalmente offre il secondo).

RIPRODUZIONE RISERVATA ©