Come chiunque abbia, o abbia mai avuto, a che fare con sistemi operativi basti su Linux sa fin troppo bene, i driver per le schede grafiche sono, da sempre, uno dei problemi più fastidiosi dell’intera esperienza.
In buona aprte dei casi, infatti,si fatica a raggiungere le prestazioni riscontrabili all’interno di altri sistemi ed ambienti.
Spesso capita, a seguito di riavvii, di ritrovarsi di fronte ad una schermata nera, ad esempio, e l’esperienza di gaming, per quanto notevolmente migliorata, fatica ad essere equiparata a quella sperimentabile su Windows.

Questo, in buona parte dei casi, spinge gli utenti ad utilizzare prodotti software ed hardware con supporto più solido (Windows o, per chi non vuole mollare, schede grafiche AMD).
Ma, grazie da una nota saltata fuori sulla mailing list del Kernel Linux da parte di uno sviluppatore NVIDIA, la sotanza delle cose potrebbe presto cambiare dato che si sta cercando una soluzione per migliorare i driver ed il supporto in generale per NVIDIA.

In arrivo nuovi driver NVIDIA open source Nvidia 300x161

Nuovi driver Nvidia open source in via di sviluppo

Il focus principale del progetto si concentra sulla memoria virtuale condivisa.
I file nvidia-uvm.ko e nvidia.ko sappiamo essere la principale causa di problemi.
Considerando, però, che i sorgenti sono completamente liberi, è plausibile immaginare che si riesca a modificarli per poterne migliorare le prestazioni e le risposte.
Ancora non è dato sapere, a noi così come agli sviluppatori, quali e quante saranno le modifiche necessarie da apportare.
Si pensa, tutto sommato, anche di inserire altra carne sul fuoco, come ad esempio la sacrosanta compatibilità con Nouveau e Tegra.
L’unica cosa che possiamo sapere ed affermare con convinzione, appunto, è che l’interfaccia tra i file nvidia.ko e nvidia-uvm.ko è stata progettata oggettivamente male alla base e che, con buona probabilità, saranno necessari dei tempi abbastanza lunghi per poter ripulire tutto quanto e sistemarli come si deve.

La cosa che, al netto di tutto, riempie tutti noi di buone aspettative, un po’ come scoprire che alla fine Babbo Natale esiste davvero, è che NVIDIA abbia in cantiere dei driver open source, che finalmente consideri questo mondo come qualcosa da seguire ed accudire, pur senza poter dare, per forza di cose, date precise.
Ricordiamo che, ad esempio, AMD ha trovato una buona soluzione a questo problema creando dei dei driver parzialmente open source e parzialmente proprietari.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©