Firefox va all in su PulseAudio, abbandonando ALSA

Firefox abbandona il supporto ad ALSA, lasciando diversi utenti con l'audio del browser muto

pubblicita

Sei un utente Linux che ha fatto l’aggiornamento a Firefox 52 e hai realizzato che all’improvviso il browser è muto? Tranquilli, non siete soli.

Il browser rilasciato la scorsa settimana pone PulseAudio come hard dependency, il che significa che ALSA ed i desktop che si appoggiano esclusivamente su di lui non sono pià supportati.

Ubuntu (così come molte delle distro più moderne di Linux) usa di default PulseAudio quindi questo cambiamento non dovrebbe farsi notare da troppa gente, tuttavia esistono utenti e distro che, per i motivi più disparati, preferiscono utilizzare ALSA, che è comunque all’interno del Kernel Linux.

Lubuntu 16.04 LTS, ad esempio, è una delle distro che utilizzano ALSA di default, quindi gli utenti Lubuntu che hanno upgradato Firefox alla versione 52 attraverso il canale ufficiale di aggiornamento, si sono ritrovati, senza nessun preavviso col browser completamente muto (problema che non affliggerà gli utenti Lubuntu 16.10 che ha sitchato su PulseAudio)

Il blogger Adam Hunt fa parte di coloro che sono stati colpiti da questa decisione di Mozilla.

In un post sul suo blog ha scritto, infatti, che una volta installata la nuova versione, direttamente dai repository di Ubuntu, si è accorto che l’audio non funzionasse e Firefox gli ha notificato che avrebbe dovuto installare PulseAudio per risolvere il problema, data la mancanza di supporto per ALSA.

Firefox, ALSA e i problemi audio, facciamo un po’ di chiarezza

Tanto per cominciare, no, nessuno di noi è stato così distratto da non accorgersene, Mozilla non ha assolutamente menzionato la facecnda nelle note di rilascio di Firefox 52 (controllare per credere) e bisogna tornare a un vecchio posto del 2016 per avere un’idea che abbandonare ALSA fosse nei piani di Mozilla.

FIrefox, da parte sua, cita dei problemi arrivati in divenire di manutenzione come motivazione della scelta di uccidere il supporto ad ALSA, spiegando in un bug report il cambiamento:
Rendere PulseAudio una hard dependency su Linux riduce i problemi e la manutenzione associati al mantenere multipli backends audio.

pubblicita

Ok, grazie della spiegazione Mozilla, ma molti non se la sono proprio bevuta, in giro per l’internet tutto.
I più morigerati fanno gentilmente notare che il codice ALSA è presente anche in questa nuova build e che rendere il backend selezionabile sarebbe stato un approccio più educato ed accettabile.

Il supporto di Mozilla a ALSA non arriverà, ci spiace

Un Launchpad bug è stato archiviato verso Firefox, ma per il momento è non assegnato. Firefox stessa fornisce un prompt per l’installazione di PulseAudio agli utenti, così da poter utilizzare nuovamente i suoni, ma gli utenti ALSA non sono particolarmente convinti sia un suggerimento pratico per ogni utilizzo dell’audio.

Nel rispondere alle critiche l’engineer di MozillaAnthony Jones ha detto che qualche scambio è necessario per fare un buon prodotto e, su precisa domanda, ha affermato che il supporto ad ALSA non tornerà mai.
Ha continuato affermando che l’installazione di PulseAudio sistema qualunque problema conosciuto col backend ALSA

Per il momento, quindi, l’unica vera soluzione (se così vogliamo chiamarla) per far funzionare Firefox con ALSA è di downgradare alla versione precedente del browser, switchare su Firefox ESR che ancora supporta ALSA, per il momento o, in alternativa, cambiare completamente browser (a tale proposito Chromium funziona una meraviglia con ALSA).

Oppure arrendersi e decidersi ad installare PulseAudio (che poi, a parte tutto, non è neanche malaccio, ma oh il principio è principio)