In futuro le smart tv android dovranno essere protette dai virus.

Anche le nuove smart tv hanno un tallone d’Achille sembra essere Android, il sistema operativo mobile di Google che per la sua estrema versatilità, si sta diffondendo anche tra i produttori di TV. Per eseguire l’attacco è stato dimostrato che basta utilizzare i più noti ransomware cioè un tipo di malware che limita l’accesso e le funzioni del dispositivo, per poi richiedere un riscatto all’utente, virus pensato per colpire android. In questo caso anche i nuovissimi televisori, tanto da spingere la Symantec a fare ricerca per evitare che i dispositivi che sono colpiti da questi malware, diventino inutilizzabili. Candid Wueest ha spiegato che virus simili si possono nascondere anche nei giochi disponibili all’installazione.

 

Si servono di attacchi del tipo “Man-in-the-Middle” e sono in grado d’eseguire il root della TV, ottenendo i privilegi impedendo anche ai tecnici, di eseguire qualunque operazione, come il reset alle condizioni di fabbrica. Come mai tutto questo? Semplice, manca il sistema di cifratura SSL nelle comunicazioni tra la TV ed i server remoti, che utilizziamo per poter installare applicazioni o fare gl aggiornamenti firmware.

 

Il vero problema è il fatto che non è possibile rimuovere ina alcuna forma l’infezione una volta attivata. Questo è stato dimostrato alal fine della dimostrazione ci è riuscito per il semplice fatto che ha attivato il tool Android Debug Bridge prima dell’installazione del malware. In questo modo si può permettere interagire con il software della televisione attraverso un computer portatile. Questo dimostra che le smart tv sono vulnerabili  e in un futuro si potrebbe arrivare ad esempio, al furto di dati personali. L’unico consiglio che si può dare al momento è dire che in attesa che i produttori prendano provvedimenti, è quello di limitare l’utilizzo della propria televisione evitando l’installazioni di applicazioni o a monte, evitando di acquistare una smart tv per i momento.

da TechHive.com

Se questo articolo ti è piaciuto, per mantenerti aggiornato seguici su Facebook, Twitter, Google+ o Telegram.