Normalmente, quando viene presentata una nuova macchina fotografica oppure un nuovo Smartphone, fra i vari dati che vengono messi in rilievo nelle caratteristiche tecniche, troviamo anche i parametri riferiti al diaframma delle lenti in uso. Più di una volta ho letto e sentito chiedere che cosa significasse questo famigerato parametro successivo alla F. Iniziamo col dire che il diaframma è il meccanismo che permette di regolare la luce sul sensore che, a sua volta, poi genererà l’immagine scattata. Il sistema è caratterizzato da delle lamelle che, in base al valore impostato di “apertura” e “chiusura”, lascia entrare più o meno luce all’interno del diaframma. Alcuni esempi di apertura del diaframma sono f/22, f/16,f/8, fino ad arrivare ad aperture molto luminose quali f/2.8,f/2,f/1.8. Prendiamo per esempio gli ultimi due top di gamma di Apple e Samsung: L’iPhone 6s ha un’apertura massima di f/2.2 mentre il Samsung S6 ha un diaframma pari a f/1.9, quindi entrambi i dispositivi hanno diaframmi molto luminosi il che permette di scattare fotografie e registrare video anche in condizioni di luce scarsa.

Cosa si intende per diaframma (F) nelle descrizioni dei dispositivi aperture 300x212

Un diaframma molto aperto (f/1.8) permette inoltre di ridurre la profondità di campo rispetto a quando si utilizza un diaframma piuttosto chiuso come ad esempio un f/22. Quindi se per esempio, vogliamo realizzare un primo piano, come potrebbe essere il volto di una persona, utilizzeremo un diaframma aperto; in caso invece di fotografie paesaggistiche dove non vi è un soggetto principale da isolare dalla foto ma abbiamo ben si un bellissimo panorama, utilizzeremo un diaframma chiuso che renderà la profondità di campo molto ampia dove tutta la foto sarà completamente a fuoco.

Cosa si intende per diaframma (F) nelle descrizioni dei dispositivi 25eb87fc2cd518edbaf64ef80302ae48 300x120

 

Queste sono le caratteristi di base dell’uso del diaframma che dovrebbero essere chiare o per lo meno conosciute a chi si vuole cimentare nella fotografia in modo più “esperto” e non solo al classico punta e scatta, senza sapere come mai le foto a volte vengono meglio e altre “strane”..

RIPRODUZIONE RISERVATA ©