Google Maps ti aiuterà a trovare parcheggio

Scovata una funzione "nascosta" nell'ultima versione beta: non si se in futuro verrà implementata di default

Google Maps ti aiuterà a trovare parcheggio google maps one m8 TechNinjaGoogle Maps ha più volte cambiato veste negli ultimi anni, aggiungendo di volta in volta nuove e interessanti features, come la Street View, ovvero la possibilità non solo di visualizzare un determinato luogo dall’alto, attraverso mappe satellitari, ma anche dall’interno, grazie alla scansione tridimensionale di strade e luoghi di interesse.

Secondo quanto riportato dagli utenti di Google Maps v9.44 beta, ultima versione di Maps disponibile per dispositivi portatili, all’interno dell’applicazione sarebbe nascosta un funzione che potrebbe a breve essere implementata definitivamente, e che potremmo chiamare “trova parcheggio”.

Come troveremo parcheggio con Google Maps?

Tale funzione permetterebbe agli utenti di capire in quale zona è possibile parcheggiare, e addirittura quanti sono i posti disponibili: per farlo, Maps utilizzerebbe tre livelli di disponibilità, chiamati Limited, Medium, ed Easy. Come si intuisce facilmente, un luogo classificato come Easy dovrebbe offrire un gran numero di zone libere e destinate al parcheggio, mentre uno Limited potrebbe avere ben pochi posti disponibili.

Google Maps ti aiuterà a trovare parcheggio gnow parcheggio TechNinjaInoltre, sempre stando a quanto segnalato dagli stessi utenti, quando si è in movimento l’applicazione segnala la presenza di un parcheggio grazie ad una icona a forma di P, affiancata da una stima del tempo necessario per raggiungere quel luogo. Tale funzione sarebbe unica nel suo genere, poichè adesso tutti i navigatori disponibili si limitano ad indicare solo i parcheggi ufficiali, senza tra l’altro indicare la disponibilità di posti, trascurando i numerosissimi posti auto pubblici.

Come Google disponga o riuscirà a disporre di queste informazioni, non si sa ancora, e forse non si è destinati a saperlo. E’ probabile comunque che in un primo momento tale funzione, qualora venga ufficializzata, sarà disponibile solo nel territorio degli Stati Uniti.

L’obbiettivo che si pone Google è di difficile raggiungimento, poichè implica il coinvolgimento di enti locali sparsi in tutto il mondo, spesso non disposti a collaborare: in ogni caso il gigante Californiano ha tutte le carte in regola per raggiungerlo, sfidando l’impossibile, come già accaduto con la sopracitata Street View.