YouTube lancia Super Chat a pagamento, per fissare in alto i propri messaggi

YouTube lancia Super Chat, servizio a pagamento che permetterà a chi lo vorrà di fissare in alto i propri messaggi durante le live. Ecco come funzionerà e quanto costerà mettere in evidenza il proprio messaggio.

Per permettere a chi gestisce un canale YouTube di interagire al meglio con i commenti di chi guarda le live, la piattaforma ha pensato di lanciare un nuovo strumento: si tratta della Super Chat che permette, previo pagamento, di fissare dei messaggi in alto, in modo tale che questi siano immediatamente visibili e, pertanto, aumentare la possibilità di ricevere una risposta da parte dello youtuber.

YouTube lancia Super Chat a pagamento, per fissare in alto i propri messaggi superchat TechNinja

YouTube Super Chat: come funziona e quanto costa

Come detto, il servizio è a pagamento: per 5 dollari ogni utente che lo desideri potrà fissare in alto il proprio messaggio, lasciato durante la live del proprio youtuber preferito, in modo tale che quest’ultimo possa vederlo subito e rispondere allo stesso. In questo modo, quindi, chiunque voglia interloquire con il proprio youtuber preferito durante una live, avrà più possibilità di essere letto e di ricevere risposta.

YouTube Super Chat, quindi, è stata pensata proprio per questo motivo: per favorire ancora di più l’interazione con gli youtuber. I messaggi a pagamento saranno più visibili rispetto agli altri, per via dello sfondo colorato, e saranno fissati in alto sino a un massimo di 5 ore.

In molti fanno notare che, di certo, 5 euro non sono una cifra di poco conto e, pertanto, si dovrà verificare l’effettivo attecchimento del servizio: verrà utilizzato o no? Al momento è ancora presto per fare dei bilanci.

I 5 euro di ciascun messaggio verranno dati allo youtuber. Il debutto della nuova funzione ci sarà oggi sui canali di taluni creatori, selezionati direttamente da YouTube. Nello specifico,  iHasCupquake, Great Library (buzzbean11) e Alex Wassabi saranno i primi, mentre il 31 gennaio la funzione verrà estesa ai gestori di canali di 20 paesi e agli utenti di 40 paesi.