iPhone 6s, dopo il jailbreak, arrivano i software spia.

pubblicita

Per il nuovo sistema operativo iOS9, installato su  iPhone, iPad e iPod, vengono presentati i nuovi software spia specifici per i nuovi smartphone iPhone 6S e 6S Plus. Extra Large è una delle società di San Marino che crea questi programmi e promette meraviglie per  i telefoni con iOS versione 9.0.2. Le funzionalità promesse sono molteplici come l’ascolto ambientale, registrazione delle chiamate, cattura delle chat di molti sistemi di chat e social (WhatsApp, Facebook, Skype, WeChat, Line, ecc) , oltre che salvare password di programmi, app e sblocco del telefono, email….insomma potremo appropriarci di ogni dato salvato sul nostro device.

I programmatori hanno dovuto aspettare il jailbreak, procedura del tutto simile al root di un dispositivo android. La notizia della presenza di più jailbreak è importante, soprattutto per lo sviluppo di software spia commerciali. Infatti i programmatori si sono subito messi al lavoro, adattando il proprio codice al nuovo iOS, testando il software ampiamente.  Questo mercato è in ampia crescita ed è sempre più fiorente.

Il jailbreak del sistema operativo iOS 9 dell’iPhone 6S è stata incentivato per la prima volta con l’uso di una taglia da un milione di dollari, offerta dalla Zerodium. La società offriva questo denaro a chiunque fosse stato in grado di attivare il jailbreak in remoto, servendosi del browser. Zerodium ha come core business, il rivendere le falle cossidette zero-day, cioè sconosciute al produttore del software ad altre società fornitrici di enti governativi ed ha annunciato di aver avuto successo il 2 novembre scorso, a soli due mesi dall’uscita sul mercato dell’iPhone 6S. Un paio di settimane prima un altro team aveva annunciato la disponibilità di una forma di jailbreak per iOS 9, ma non ha potuto ottenere la taglia, perchè questo nuovo sistema, è del tutto simile ai precedenti e prevede che l’iPhone debba essere connesso fisicamente ad un PC, mentre la società richiedeva un collegamento in remoto.

Da repubblica.it

Se questo articolo ti è piaciuto, per mantenerti aggiornato seguici su Facebook, Twitter, Google+ o Telegram.