Huawei Mate S Force Touch: Compare in Europa con vMall

Huawei Mate S Force Touch: Compare in Europa con vMall

Huawei Mate S Force Touch è uno dei primi smartphone (anzi, a dirla tutta, è proprio il primo smartphone) con Android a poter vantare l’innovativa feature, già vista su iPhone 6S e 6S Plus di Apple, del Force Touch, ovvero un display sensibile a diversi livelli di pressione. Dapprima annunciato nel corso di IFA 2015 (il salone della tecnologia con sede a Berlino) durate il mese di settembre, Huawei ha appena inserito il suo smartphone anche nello store ufficiale, il vMall. Fino ad oggi infatti, Huawei Mate S era disponibile nello store nella sola variante priva di Force Touch, sebbene offrisse ugualmente caratteristiche di tutto rispetto ed un ottimo rapporto qualità prezzo (così come in generale risulta per ogni smartphone attualmente prodotto dalla casa cinese): Nello specifico un ampio display amoled da 5,5 pollici full hdd con ben 402 PPI, una CPU con otto core su piastra Kirin 935 (con 4 core che lavorano alla frequenza massima di 2.2 GHz e 4 core con frequenza di 1.5 GHz), una GPU mali-T628, ben 3GB di memoria Ram ed una memoria interna selezionabile nei formati da 32, 64 e 128 gb (nello store risulta attualmente solo la versione da 128 GB equipaggiata di Force Touch). Completa il tutto connettività 4G, NFC, Wifi 802.11b/g/n, Bluetooth 4.1, GPS, AGPS, GLONASS, una fotocamera anteriore da 8 megapixel (per selfie di ottima qualità) ed una posteriore da 13 megapixel. Lato batteria, ne troviamo una non rimovibile all’interno della scocca, della capacità di ben 2700mAh (Huawei promette la giornata intensa). Lato Software, il device sarà dotato di android 5.1.1 Lollipop con interfaccia proprietario Motion UI 3.1. Restiamo in attesa che arrivi in redazione per poter così procedere a darvi una impressione più approfondita di questo device, che ad oggi risulta una proposta davvero interessante nel panorama degli smartphone android, ad oggi un po stantio.

Huawei Mate S Force Touch: Compare in Europa con vMall lazy placeholder TechNinja

 

Se questo articolo ti è piaciuto, per mantenerti aggiornato seguici su FacebookTwitterGoogle+ o Telegram.