Apple Pay lanciato ieri in Australia: ora siamo a quota 4

Apple Pay lanciato ieri in Australia: ora siamo a quota 4. Qualche settimana fa Tim Cook, CEO di Apple, aveva annunciato che in tempi relativamente brevi Apple Pay sarebbe stato lanciato in Canada ed in Australia…e così è stato! Con estrema puntualità Apple Pay è stato reso disponibile martedì in Canada e ieri in Australia. Ora siamo a quota 4: l’Australia è infatti il quarto dei Paesi nei quali è disponibile il metodo di pagamento mobile offerto da Apple, dopo Stati Uniti, Regno Unito e Canada.

Secondo quanto detto da Cook, il prossimo Paese nel quale sarà disponibile Apple Pay sarà l’Irlanda. In Australia, comunque, il funzionamento del sistema di pagamento è diverso rispetto agli altri Stati: mentre negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito Apple Pay è compatibile con tutte le carte di credito, in Australia è compatibile solo con American Express. Bisognerà quindi essere un membro American Express per poter usufruire del servizio.

Il motivo sarebbe da ricercare, come suggerito da un documento finanziario australiano, tra i rapporti di Apple con le varie banche in Australia: rapporti che, per ora, non hanno portato alla conclusione di nessun accordo. Questo perchè gli istituti bancari non sono contenti di lasciare che Apple riceva una percentuale di commissione per ogni pagamento effettuato con Apple Pay.

La notizia curiosa arriva dalla Cina: nonostante sia uno dei Paesi che più nutre le casse di Cupertino, nessuna bancha ha accettato di cedere una percentuale ad Apple per il suo servizio di pagamento mobile.

Tornando alla situazione in Australia, uno degli svantaggi è che il numero di rivenditori che accettano American Express è ben minore rispetto a quelli che accettano Visa, quindi la riuscita di Apple Pay è l’unico modo che l’azienda ha per dimostrare alle banche che è conveniente usarlo, nonostante sia necessario cedere ad Apple una percentuale.

Seguiteci sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale Telegram, per restare sempre aggiornato.

VIA