Secondo alcune recenti indiscrezioni, Google avrebbe interesse a progettare un microprocessore da inserire negli smartphone android, lavorando in team. Le informazioni arrivano da un articolo estero che cita fonti interne, ma per il momento non abbiamo ancora conferme ufficiali.  Creare un chip in grado di ottimizzare le prestazioni, una cosa molto affascinante e difficoltosa nello stesso tempo.

Google quindi starebbe pensando di progettare i microprocessori per smartphone e tablet, in modo da ottimizzarli per il proprio sistema oprativo. Sempre questa fonte parla che per lo meno potrebbe partecipare alla progettazione. Leggendo l’articolo di The Information, sappiamo che  l’azienda avrebbe tutto l’interessate a seguire un percorso del tutto simile a quello che Apple ha intrapreso anni fa’, al punto che oggi progetta interamente i chip della serie A, che sono montati su iPhone e iPad.

 

Da questa scelta, google potrebbe avere molti vantaggi, perché sarebbe in grado d’integrare direttamente nell’hardware le caratteristiche che renderanno Android migliore, più stabile e veloce. Una mossa di questo tipo avrebbe ripercussioni, infastidendo alcuni partner di tutto rilievo, come Qualcomm o Mediatek, che realizzano SoC per smartphone. Inoltre Google, per lo meno agli inizi, dovrebbe rivolgersi ad un’azienda come TSMC o Samsung per la realizzazione del processore.

Altro dubbio che non rende chiara la notizia, è il sapere se il processore sarà destinato ai soli dispositivi Nexus o se sarà pensato per tutti i dispositivi del mondo Android in senso lato. Pare infatti che ci sarebbe l’idea di ridurrre la frammentazione, dando un’architettura hardware e il microprocessore comune, diffusa, che faciliti la realizzazione di software e aggiornamenti.

Siamo nel terreno delle speculazioni perchè Google non ha rilasciato alcun commento ufficiali sull’argomento. Di sicuro l’ipotesi ha un suo perchè, ma nello stesso tempo di difficile realizzazione perchè gli ostacoli non mancano di certo.

Da theinformation.com

RIPRODUZIONE RISERVATA ©