pubblicita
pubblicita

Google maps funzionerà offline.

pubblicita

Google a quanto pare si sta’ rimettendo in gioco, aggiornando il suo maps. Soprattutto quando si è all’estero oppure in posti, dove la rete dati o il 3G non sono affatto presenti ed abbiamo bisogno del navigatore.  Il problema di Google Maps era il fatto che senza connessione, non funzionava affatto. Ora si è deciso di risolvere quest’inconveniente, in maniera definitiva, come successo in passato con altri programmi.

Infatti oggi Google ha annunciato che il servizio Maps è utilizzabile anche in maniera offline su dispositivi Android, entro breve tempo su iOS. Quest’atteso upgrade, colma una lacuna importante nel sistema di cartografia di google, finalmente mettendosi al pari di suoi molti competitor che hanno puntano tutto sull’utilizzo in mancanza di connessione.

pubblicita

Google dopo una lunga riflessione finalmente si è messa al pari. Sarà possibile scaricare le mappe di un’area geografica sullo smartphone, utilizzandole al momento del bisogno anche offline. Altro importante aggiornamento è la possibilità di ricevere indicazioni passo passo anche senza una connessione 3G, oltre che le informazioni dei punti d’interesse, gli orari di apertura, contatto, ecc. Il semplice procedimento è anche spiegato da Google sul suo blog ufficiale: “Per scaricare un’area, è sufficiente cercare una città, una regione o una nazione e cliccare poi su “Download” nella relativa scheda, oppure andare su “Aree offline” nel menù di Google Maps e premere il pulsante “+”. Una volta scaricata la mappa, nel momento in cui Google Maps rileverà una connettività limitata o assente, passerà automaticamente alla modalità offline, mentre tornerà a quella online quando la connessione verrà ripristinata, così da garantire l’accesso alla versione completa di Maps, che comprende il traffico in tempo reale. Per impostazione predefinita, l’applicazione scaricherà le mappe sul vostro dispositivo solo quando sarete collegati a una rete Wi-Fi, in modo da evitare addebiti elevati per il consumo di dati”