Vertu: dagli smarphone di lusso alla cyber security.

Vertu è un marchio poco conosciuto che produce cellulari extralusso, a tal livello che i modelli Apple, sembrano giocattoli economici. L’azienda sconosciuta ai più, produce modelli che possono raggiungere anche i 7.000 euro di base e venne fondata nel 1998 da Frank Nuovo, ex designer di Nokia. Sono dotati di design con materiali come la pelle di struzzo o serpente, e ricordano modelli sportivi di auto di lusso, come per esempio Bentley.

Come detto Vertu, è nata quasi come una costola di Nokia, è stata acquistata nel 2012 dal fondo di investimenti svedese EQT, al costo di ben 200 milioni di euro e attualmente ceduta ad una cordata d’investitori cinesi. A capo dellla cordata c’è il gruppo di Hong Kong, Godin Holdings, che ha comprato l’azienda senza cambiare l’impianto , eccezion fatta per il CEO Massimiliano Pogliani che ha lasciato l’incarico. La parte di disegno, sviluppo e produzione resteranno nella sede inglese di Church Crookham, nell’Hampshire che ha ben 450 impiegati,  degli 800 totali dell’azienda.

 

A quanto pare la società di Hong Kong che ha guidato l’acquisto del colosso dei cellulari di lusso, si dovrebbe occupare di cyber security e starebbe lavorando ad un sistema operativo che ha come base Android, OS utilizzato dai cellulari Vertu dopo aver abbandonato Symbian; questo OS molto probabilmente si chiamerà GOS. In concreto cosa farebbe il sistema operativo GOS? In pratica GOS permetterebbe una schermatura crittografica per le chiamate in entrata e in uscita,  impedirebbe ai software di condividere le nostre informazioni,  e sarebbe dotato di un blocco del root impedendo quindi di riprogrammare il firmware da parte di oggetti malintenzionati.

 

Analizzando tutte queste informazioni ,compreso il sistema di antifurto GOS, non si può evitare di pensare subito ad un uso applicativo sui cellulari Vertu. Si trattano di meri rumors, perchè non abbiamo conferme sulle funzionalità del sistema operativo, che per il momento dovrebbe essere in mano ai tester.