[REDAZIONALE] – Whatsapp down per qualche ora: l’apocalisse ha inizio

[REDAZIONALE]   Whatsapp down per qualche ora: lapocalisse ha inizio whatsapp down 292x300 TechNinja

 

Nella giornata di ieri, il celebre servizio di messaggistica istantanea (guarda caso dopo l’acquisizione da parte del giovanotto in blu), è rimasto down per qualche ora. Indipendentemente dai fatti tecnici, con questo breve articolo vorrei fare qualche riflessione sull’accaduto.

[REDAZIONALE]   Whatsapp down per qualche ora: lapocalisse ha inizio 38536 300x167 TechNinja

Whatsapp ormai significa comunicazione:

Quando qualche anno fa comperai il mio primo smartphone (il sempreverde iPhone 3GS) vidi per la prima volta in AppStore questa piccola app che prometteva l’invio di messaggi gratuiti. Non conoscendo ai tempi cosa volesse dire 3G, connessione dati ed altre diavolerie, pensai fosse un servizio che mi permetteva di inviare i messaggi tradizionali attraverso un qualche non ben identificata diavoleria. Grande fu il mio disappunto ed il mio stupore quando capii il meccanismo di funzionamento di whatsapp: in pratica potevo inviare messaggi gratuitamente attraverso la rete, a patto che altri avessero whatsapp installato nel loro smartphone (si parlava del 2009, molti non sapevano neanche cosa fosse uno smartphone, ed ai tempi Nokia era regina incontrastata del panorama mobile). Mi recai allora immediatamente a spulciare la lista contatti whatsapp (ovvero coloro che, tra i miei contatti, avevano whatsapp installato), e la mia sensazione fu quella di desolazione assoluta: solo 2 tra circa 300 contatti possedevano questa app, che si rivelava per me totalmente inutile. Ciononostante pensai alla grande rivoluzione di poter inviare dati in maniera veloce, senza registrazioni (bastava solo il mio numero di cellulare) e senza dover aggiungere amici (ai tempi msn, mai troppo compianto, si basava proprio su questi presupposti), ma solo installando una semplice app. Decisi quindi di non far traballare l’icona, e di non premere sulla fatidica X che avrebbe portato lontano da me quella piccola meraviglia.

I fatti mi diedero ragione. a distanza di circa 5 anni, whatsapp ormai significa comunicazione, scambio di idee di dati in tutta libertà, attraverso un piccolo e magico dispositivo che possiamo portare sempre con noi. Spulciando oggi la stessa lista dei contatti, la mia meraviglia funziona al contrario. Sul oltre 300 contatti, gli unici che non hanno whatsapp sono i contatti di cui conosco solo il numero di casa o di ufficio. whatsapp regna sovrano nel panorama della comunicazione, e la sua facilità di utilizzo, la sua assenza di registrazione, hanno fatto si di poter vantare oltre mezzo miliardo di utenti, con una utenza che cresce di circa un milione al giorno.

 

whatsapp opera in monopolio, con vantaggi e svantaggi:

Si può quindi dire che, a parte qualche piccola turbolenza statistica (chaton, line, wechat), whatsapp regni ormai incontrastato in regime di pieno monopolio. Ogni giorno centinaia di milioni di messaggi vengono spediti attraverso i server di whatsapp. I normali sms sono ormai un tenue ricordo nella calura di una notte di ferragosto. La comunicazione attraverso la rete ha subito un incremento spaventoso, in rapporto agli anni di evoluzione. Facendo un paragone, e’ come se fossimo passati dalla preistoria ai tempi moderni in meno di un anno. Ovviamente l’operare in regime di monopolio porta con se vantaggi e svantaggi: indubbiamente a mio parere la standardizzazione è un bene, in quanto non sono obbligato a tenere sul mio smartphone migliaia di applicazioni, e cercare qualche contatto usi una certa app prima di spedire un messaggio. Viceversa apro whatsapp, cerco il contatto e spedisco il messaggio.

Ma vi sono anche degli svantaggi nel gioco: svantaggi che abbiamo potuto constatare proprio ieri, quando praticamente mezzo globo terrestre è rimasto praticamente immobilizzato dai down dei server. Questo ha significato anche la nascita di problemi che, un tempo, non si sarebbero mai posti.

[REDAZIONALE]   Whatsapp down per qualche ora: lapocalisse ha inizio whatsapp down 300x208 TechNinja

Sono saltate comunicazioni, possibili appuntamenti, insomma, in una sola parola è mancata la comunicazione (e questo, per un essere che fa della comunicazione la sua fonte di evoluzione, quale e’ l’essere umano, rappresenta un bel problema).

Ovviamente potrete ribadirmi che il problema in se non era tanto grave, in quanto (fortunatamente aggiungerei) esistono ancora le care vecchie telefonate, ed i vecchi sms. Il problema però non sta tanto in questo: sta nel fatto che la dipendenza dalla rete, e dai servizi quali whatsapp, sta raggiungendo livelli impressionanti. Tutto il mondo è collegato da un pensiero continuo che fluisce attraverso la rete, attraverso scambi di informazioni in tempo reale multipli.

 

Voglio lasciarvi proprio con un video che mi ha fatto riflettere. il video è tratto dalla casaleggio associati (proprio loro, i celebrei fautori del MoVimento 5 Stelle). Nel video si rappresenta una idea di come il mondo potrebbe cambiare con la rete. Ed i presupposti sono entusiasmanti ed allo stesso tempo angoscianti.

 

Ecco il video: