Se non conosci Jeff Bezos, sappi che è il fondatore, il creatore e l’attuale CEO di Amazon, ma non solo. Oggi è tra gli esponenti più importanti del Web. Alcuni rumors hanno scovato una perla del 1997, dove Bezos prevedeva il futuro (ovvero l’oggi) di Amazon e non solo. Ecco le sue parole.

Cosa dice Bezos

Seguendo il video (ovviamente, la qualità dell’epoca purtroppo si vede…), ecco quali sono le novità di oggi che Bezos aveva già previsto nel 1997:

  • L’importanza del cliente. Nel lontano 1997 mancavano parecchie cose: prima di tutto Windows 98 (si andava avanti con il 95) e sicuramente non avevano tutti un cellulare. La prima previsione di Bezos è stata offrire una serie di strumenti su misura del cliente, cercando di essere il più veloce e il più vicino possibile. Per esempio, su Amazon, oggi si può scegliere il venditore più vicino, così come ogni venditore di Amazon può fare la sua offerta. Classifiche, statistiche e opinioni sul prodotto sono sempre a portata di mano.
  • I settori di maggiore sviluppo. Libri e musica sono i due settori segnalati da Bezos nel 1997. Quante app esistono oggi, non solo di Amazon, in questi due settori? Pensa solo alla musica in streaming e agli e-book su smartphone…
  • Ads ed advertising. I banner del 1997 sono fortunatamente acqua passata. In compenso, già da quel momento Bezos parla di ads di dimensioni vicine alle esigenze dell’utente, che consentano di evitare di imparare una nuova URL a memoria e che assecondi un po’ i gusti (Adwords e non solo arriveranno qualche anno dopo…). Anche l’advertising, cioè il modo di fare pubblicità, viene considerato importante, in quanto Bezos aveva previsto che online sarebbero stati in pochi ancora per poco tempo!

Il mondo Amazon

Jeff Bezos aveva previsto tutto nel 1997! jeff bezos

Il mondo di Amazon è cambiato molto dal 1994, quando Bezos lo fondò. Prima di tutto, Amazon non vende solo libri, ma diversi tipi di merce, con programmi personalizzati come il “BuyVip”, oppure la recente scelta di Amazon Prime per la spedizione gratuita con abbonamento annuale.

Con il tempo, Amazon è diventato una realtà consolidata, che ha modificato nel mondo del libro il concetto di “best-seller”. Avere il giusto numero di recensioni positive su Amazon fa la differenza, ma qui è davvero il pubblico a scegliere, con statistiche sempre aggiornate, il titolo migliore.

Oltre a questo, Amazon ha puntato per prima sull’intelligenza artificiale per la casa. Basti pensare ad Alexa che, anche se non ha portato vendite nel brevissimo periodo, ha spaventato abbastanza i colossi come Google, tanto da far pensare a prodotti propri per fronteggiare l’avanzata di Amazon.

Insomma, per avere successo bisogna saper guardare lontano. Cosa ne pensi?