Tentato colpo di Stato in Turchia: Erdogan usa Facetime per comunicare con il popolo

Il presidente Erdogan utilizza Facetime per mettersi in contatto con la CNN Turca, dopo il ban dei social network durante il tentativo di colpo di Stato in Turchia. Ecco cos'è successo.

Questa notte abbiamo assistito al tentativo, fallito, di golpe militare in Turchia. Sebbene importante dal punto di vista strategico e politico, la notizia non sarebbe proprio consona a un sito di informazione che si interessa, per lo più, di tecnologia. Allora perché ne stiamo parlando in questa sede?

Un particolare di tutta la faccenda ci ha colpito non poco: il discorso alla nazione da parte del presidente Erdogan è arrivato non attraverso la tv di Stato, in quel momento occupata dai golpisti, bensì attraverso Facetime. E’ stato scelto proprio questo strumento per mettersi in contatto, in diretta, con la CNN Turca e la notizia ha fatto il giro del mondo dato che tutti abbiamo visto la giornalista turca con in mano un iPhone e una chiamata su Facetime attiva. Una scena che, senza dubbio, rimarrà alla storia e che fa riflettere sui nuovi strumenti di comunicazione che si fanno sempre più strada e che vengono utilizzati anche in situazioni impensabili.

Tentato colpo di Stato in Turchia: Erdogan usa Facetime per comunicare con il popolo lazy placeholder TechNinja

Il ruolo dei social network e della comunicazione

La notizia sembra davvero paradossale se si pensa che, pochi istanti prima, lo stesso governo Erdogan aveva fatto bloccare i social network come Facebook o Twitter. Dopo solo un’ora, invece, lo stesso presidente ha utilizzato uno strumento come Facetime per mettersi in comunicazione con i media, perché costretto dalle circostanze.

Ricordiamo, inoltre, che il governo turco non è nuovo alla totale interdizione dei social network e dell’uso della rete: a marzo del 2014, pochi giorni dopo le elezioni amministrative, tutti i social erano già stati banditi.

Eppure è proprio grazie alla tecnologia, questa volta di Facetime, che il presidente Erdogan è riuscito a mettersi in contatto con il suo popolo, invitandolo a scendere in piazza per ribaltare le sorti del golpe, che successivamente è fallito dopo che i ribelli avevano dichiarato di aver preso il potere.