Facebook ha comunicato che Messenger per Android è stata scaricata oltre un miliardo di volte dal Google Play Store. Sebbene il numero di download indichi solo la popolarità di un’applicazione e non la sua qualità, si tratta comunque di un risultato prestigioso, in quanto il cosiddetto “1 billion club” è attualmente composto da 5 membri.
Quali?
Oltre a Facebook Messenger, ci sono WhatsApp, Google Search, Google Maps, Gmail e YouTube; applicazioni che tutti conosciamo.

L’annuncio è stato pubblicato su Facebook da David Marcus, ovver il Vice Presidente del gruppo Messaging Products. La scelta di separare l’app Messenger da quella principale è stata quindi premiata con un aumento del numero di download. Durante la conferenza F8, Mark Zuckerberg aveva comunicato che gli utenti iscritti al servizio hanno superato quota 600 milioni. Nel corso degli anni sono state aggiunte numerose funzionalità, come le video chiamate, i messaggi vocali, il supporto per gli sticker, i pagamenti peer-to-peer, la funzione Chat ID e la condivisione dei luoghi.

Facebook Messenger entra nellélite dei miliardari 630x368xFacebook Messenger per Android 630x368.jpg.pagespeed.ic.1MUyeBNad4

Da semplice app di messaggistica, Facebook Messenger è diventata una vera e propria
che permette agli sviluppatori di terze parti di integrare altri servizi. Come anticipato a fine maggio, Messenger è ora anche una game platform, ovvero una piattaforma di gioco.
Il primo gioco, infatti, si chiama Doodle Draw, un clone del popolare Draw Something, che a sua volta è in pratica la versione online di Pictionary. Insomma, non è un gioco originale, ma è comunque il primo presso tale piattaforma.
Come funziona?
Doodle Draw suggerisce una parola che l’utente deve disegnare sullo schermo. Il disegno viene quindi inviato agli amici che devono indovinare cosa rappresenta. Con i punti guadagnati durante il gioco si possono acquistare più colori. In alternativa, è possibile invitare gli amici a giocare. Come su Facebook, anche su Messenger potrebbe iniziare l’invasione dello spam.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©