OnePlus 3 è il primo cellulare disponibile con 6 GB di RAM. Tuttavia, la società è stata criticata da fan degli smartphone di tutto il mondo per avere un sistema operativo che chiude in modo aggressivo i processi in background e non consente di sfruttare appieno i 6 GB di memoria RAM. Gli utenti esperti di tecnologia sono ricorsi all’utilizzo di modifiche manuali al fine di bypassare questo ostacolo; la società ha preso atto della situazione e ha promesso che migliorerà la gestione della memoria con le ultime patch OxygenOS 3.2.1. Si possono ora verificare eventuali miglioramenti mettendo a confronto le prestazioni del sistema prima e dopo l’installazione dell’aggiornamento.

Prima dell’aggiornamento 3.2.1

La prova inizia in maniera semplice, ovvero utilizzando OnePlus 3 appena riavviato e, quindi, senza applicazioni caricate in background. Poi, sono state aperte alcune applicazioni comuni, come ad esempio Google Play Music, Facebook, YouTube e Chrome e sono state avviate tre partite di giochi che richiedono molte risorse, come Asphalt 8, Dead Trigger 2 e Mortal Kombat X. Quindi, è stato controllato se tutto è stato adeguatamente congelato sullo sfondo. 

Il test prima dell’aggiornamento, ha mostrato che il telefono è stato in grado di mantenere tutte le applicazioni e i giochi aperti, senza riavviarsi. Abbiamo aperto un totale di 5 schede internet al fine di vedere i processi in background. Mentre Google Play Music, YouTube e Facebook erano ancora pronti e aperti nel punti esatto in cui li avevamo lasciati, i tre giochi erano tornati alle loro schermate di caricamento iniziale e Chrome ha avuto un momento difficile per mantenere tutte e 5 le schede precaricate nel memoria.

A questo punto, abbiamo scaricato l’aggiornamento e testato il medesimo processo.

Dopo l’installazione di OxygenOS 3.2.1

Il test è andato bene e, dopo l’apertura di 5 schede in Chrome, non è stato chiuso nulla in background. Quindi, è stata alzata la posta e sono stati aperti più di 5 articoli, per un totale di 10 siti web in versione desktop.

Sono state controllate tutte le schede, solo per assicurarsi che fossero tutte caricate; poi, sono state verificate le applicazioni e i giochi che erano ancora tutti aperti. Al raggiungimento del quindicesimo numero di schede, OnePlus 3 ha iniziato ad avere problemi nel tenere aperti tutti i siti web e le animazioni subivano qualche affanno.

A questo punto, pensando che alcuni dei processi in background fossero sicuramente stati chiusi, abbiamo verificato: sorprendentemente, Google Play Music era ancora pronto a partire da dove avevamo lasciato, Facebook era ancora sulla pagina che avevamo aperto e YouTube era ancora in pausa a metà di un clip. Infine, tutti e tre i giochi erano pronti per ripartire da dove li avevamo lasciati.

OnePlus 3: dopo l’aggiornamento userà interamente i 6GB di RAM?

Conclusione

Siamo davvero sicuri che tortureremo il nostro OnePlus 3, durante il nostro uso quotidiano, aprendo contemporaneamente 3 giochi, 3 applicazioni e 15 pagine web?

Probabilmente no, ma nel caso lo volessimo fare, OnePlus 3 ce lo consente, anche se tutto questo avrà presumibilmente un impatto piuttosto negativo sulla batteria.