DeepWeb: il lato oscuro del web

Dappertutto si sente sempre più parlare del Deep web, ma che cos’è?

Il Web invisibile (conosciuto anche come Web sommerso o deep web), è l’insieme di tutti i siti e le risorse presenti sulla rete, ma non segnalate sui normali motori di ricerca. Per dirla “terra terra”, è semplicemente una parte della rete dove si svolgono attività che vanno dall’illegale (documenti falsi, armi, ecc…) a delle attività discutibili, ma comunque nascoste dai normali siti di ricerca.

Secondo una ricerca sulle dimensioni della rete condotta nel 2000 da Bright Planet, nel Web ci sono oltre 500 miliardi di siti e documenti, ma Google (uno dei più grandi motori di ricerca) ne indicizza “solo” 2 miliardi (>1%).

COME SI PUO’ ACCEDERE AL DEEP WEB?

Per accedere al Web invisibile, un utente deve utilizzare specifici programmi. Il programma Tor (The Onion Router) è quello più comunemente utilizzato, ma ci sono molte alternative tra cui I2P e Freenet.

    • TOR: Iniziamo da Tor. Tor è disponibile per la maggior parte dei sistemi operativi (Windows, Mac OSX, ecc…), ed è stato iniziato a sviluppare nel 2002 da un’associazione senza scopo di lucro. Nel 2006 sono stati chiusi alcuni server per la presenza di presunti documenti illegali. Tor protegge chi li usa dall’eventuale controllo esterno di qualcuno. Questo è possibile grazie ad una rete di router (detti anche onion router) gestiti da volontari.
  • I2P: I2P, originariamente chiamata Invisible Internet Project, è un software libero e per accedere ad una rete anonima. Questo software offre tanti usi, come browser, messaggistica, e scambiarsi dati in generale. Gli sviluppatori tendono a sottolineare che vi sia la possibilità di bug e non vi è ancora stata abbastanza analisi della rete. Stanno lavorando a rendere il controllo dei dati sempre più difficile per chi volesse provare. I2P è ancora in sviluppo beta, quindi non ancora ritenuto idoneo per gli usi che necessitano di un anonimato forte.
  • FREENET: Freenet è una rete decentralizzata, creata per resistere alla censura, che “sfrutta” i suoi utenti per permettere lo scambio di dati tra quest’ultimi. Freenet è stata costruita pensando ad anonimato e sicurezza, non alla velocità. Quindi è evitabile usarla per scambiarsi file di grosse dimensioni. Di Freenet nè è stato parlato per la prima volta daIan Clarke nel 1999. La versione 0.1 uscì nel marzo del 2000.

COME POSSO CERCARE I SITI SUL WEB INVISIBILE?

Cercare siti non è così facile come su Google. Infatti, un punto di partenza per la scoperta del deep web può essere Reddit, dove è possibile trovare alcuni link. In alternativa ci sono i forum dedicati all’argomento o le link list.

Reddit, è un sito Internet di social news e intrattenimento, dove gli utenti registrati possono pubblicare contenuti creando e usando diversi link. Gli utenti possono votare i contenuti (come su YouTube, ovvero i “mi piace” e i “non mi piace”), che determineranno la posizione in classifica e la conseguente visibilità.

I siti del deep web sono spesso anche sono seguiti dal suffisso .onion, cercabili e accessibili solo con l’applicazione Tor (perché sono fatti dal suo creatore).