Chi di voi non conosce WhatsApp? Applicazione molto famosa, disponibile per iOS, Android e Windows Phone che permette di chiamare o inviare messaggi ai contatti della rubrica gratuitamente via Wifi o 3G.
Molti utilizzano WhatsApp per via di un passaparola, ossia “hei sai che esiste un app per chiamare e inviare sms gratuitamente? ah si? quale? Whatsapp!” ma purtroppo pochi sono al corrente di un enorme problema di privacy riguardante le chiamate.
Whatsapp ha, infatti, da poco rilasciato l’aggiornamento che consente, oltre a messaggiare, di inviare chiamate ai contatti salvati nella rubrica ma che contiene appunto un problema: le chiamate sono intercettate.
Il fine di questa intercettazione è di tipo commerciale, avere più informazioni riguardo ciò che piace alle persone così da offrire loro un servizio ancora migliore.
Quindi queste intercettazioni non andranno ad imbruttire la vostra immagine, anzi è tutto il contrario, ma c’è comunque da fare attenzione a tutte le parole che si vengono pronunciate.

Lo scopo di questo articolo non è quello di mettere in cattiva luce questa funzione aggiuntiva di Whatsapp, bensì avvisare la gente di una minaccia che riguarda la propria privacy.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©