Flash Keyboard l’app più scaricata di WhatsApp, ti Spia

La popolare app Flash Keyboard è stata scaricata più della nota applicazione di messaggistica WhatsApp. Un recente studio però ha evidenziato cje l'app è pericolosa e non rispetta la privacy dell'utente

Flash Keyboard è un’applicazione Android che sta riscuotendo grande successo grazie al supporto multilingue e alla possibilità di personalizzare i messaggi con temi, emoji e adesivi. Se non l’hai ancora installata, non farlo. Il motivo? Ti Spia!

Flash Keyboard: le ricerche sull’app che ti spia

I ricercatori di Pentest hanno effettuato uno studio, mettendo sotto il riflettore molte applicazioni Android, tra queste anche Flash Keyboard che nel mese di febbraio figurava all’11esimo posto tra le app più scaricate e ad oggi sono oltre 50 milioni gli utenti che utilizzano la sua tastiera.

Flash Keyboard lapp più scaricata di WhatsApp, ti Spia app TechNinja

Lo studio condotto da Pentest ha evidenziato che l’applicazione sfrutta i permessi del sistema operativo per visualizzare annunci pubblicitari potenzialmente dannosi e monitora il comportamento dell’utente, inviando i dati ai server cinesi.

Flash Keyboard non solo inganna gli utenti e ne raccoglie le informazioni, ma rende difficile anche la sua disinstallazione.

I ricercatori hanno inoltre scoperto che l’app gestisce una lunga serie di permessi che non sono mai stati autorizzati come per esempio:

  • la possibilità di accedere alla fotocamera del dispositivo
  • la possibilità di inviare messaggi di allarme e la localizzazione GPS e WiFi
  • la sostituzione della schermata di blocco di default con una pubblicitaria
  • terminare processi in background, come per esempio gli antivirus

Flash Keyboard lapp più scaricata di WhatsApp, ti Spia flash keyboard 1 TechNinja

L’applicazione raccoglie inoltre informazioni dell’utente, il produttore del dispositivo, il modello, l’IMEI, il numero, WiFi, versione di Android e coordinate GPS per inviarle ai server negli Stati Uniti, nei Paesi Bassi e in Cina dove probabilmente vengono analizzate.

Anche se questi servizi non minacciano direttamente l’utente e la sua privacy, i permessi eccessivi e la raccolta dei dati potrebbero essere utilizzati per scopi malvagi.