BMW: L’auto del futuro parcheggia da sola e ti viene a prendere attraverso smartwatch

L’altro ieri, badando alle colichette di mia figlia di un mesetto, ebbi la fortuna di rivedere la prima puntata della celebre serie degli anni 80 Supercar: per i più giovani, trattasi di un’auto super accessoriata, dotata diintelligenza artificiale, e che comunicava nelle situazioni di pericolo con il suo conducente Michael Night, attraverso quello che sarebbe divenuto poi, nei tempi recenti, un oggetto dal nome di smartwatch.

BMW: Lauto del futuro parcheggia da sola e ti viene a prendere attraverso smartwatch lazy placeholder TechNinja

Ebbene grande è stato il mio stupore alla notizia che BMW avrebbe concretizzato questa idea all’ultimo CES di Las Wegas. In che modo? semplice. Tutti noi sappiamo che attualmente gli smartwatch non hanno riscontrato un accoglienza favorevole nella “massa” degli utenti consumer, vuoi a causa dell’immaturità del sistema operativo a bordo, vuoi a causa della scarsissima autonomia. Ebbene BMW ha pensato di rendere un pò più utile questa nuovo settore mobile attraverso la possibilità, per le proprie autovetture, di poter interagire con gli smartwatch e permettere ai tecnologici possessori degli stessi di poter parcheggiare comodamente l’auto. Ancora, come se ciò non fosse abbastanza, attraverso una evoluzione dei sistemi anti collisione, l’auto sarà pure in grado di ritrovare il proprio possessore ed andarlo a prendere. Tutto questo dovrebbe concretizzarsi nella prossima presentazione della BMW i3, un veicolo compatto che sfrutterà le nuove tecnologie in tema di motori elettrici.

la BMW i3 integrerà al suo interno tutta una serie di servizi forniti direttamente attraverso interazione smartphone/smartwatch (che sarannodisponibili sia per iOS che per android), quali ad esempio l’indicatore delle colonnine di ricarica più vicine, l’assistente all’autonomia del mezzo, e tutta una serie di sensori a laser scanner, che potranno analizzare l’ambiente circostante il mezzo in 3d e fornire indicazioni circa eventuali ostacoli (pali, transenne, marciapiedi ecc.). Qualora ci si avvicini ad un ostacolo in maniera troppo repentina, i sensori attiveranno un sistema di frenata automatica.

Il nuovo sistema che però dovrebbe rivoluzionare il settore prenderà il nome di Remote Valet Parkink Assistant: questo sistema permetterà al veicolo di creare in tempo reale una planimetria dell’edificio in cui il mezzo dovrà parcheggiare ( come ad esempio un parcheggio pubblico su più piani), ed il tutto gestibile da smartwatch: l’auto sarà in grado di parcheggiare senza conducente, evitando qualsiasi ostacolo. L’auto inoltre potrà trovare il posto giusto, ed una volta parcheggiata spegnerà in automatico il motore e chiuderà le portiere al suo interno. Infine, attraverso un tap sullo smartwatch, la BMW i3 sarà in grado di ritrovare la posizione del proprietario ed andarlo a recuperare.

 

Fantascienza? beh, non ci resta che aspettare il prossimo CES di Las Vegas: vi informeremo ovviamente circa eventuali novità di questo interessantissimo progetto, che potrebbe portare una ventata di aria fresca in un settore, quale quello automobilistico, che sta subendo una profonda crisi, anche dovuta alla stagnazione delle innovazioni.

 

 

 

 

 

via